• Home / Sport / Reggina / Reggina: ambizione, perché non illusione o ossessione

    Reggina: ambizione, perché non illusione o ossessione

    Il presidente anno dopo anno l’ha imparato.  Fare proclami rischia di essere controproducente e sa quanto è invece importante fare fatti. Quelli che comunque lui ha fatti.  Sperava di andare in Serie A al primo colpo, l’impatto con la B gli ha chiarito quanto il campionato sia in una dimensione siderale a confronto della Serie C.

    Puoi persino investire decine di milioni di euro e rischiare di non salire come è il caso del Monza. Puoi, invece, spendere poco e giocarti ogni anno la promozione con il Cittadella.  Spesso la soluzione migliore è trovare il compromesso più efficace, mischiandolo con il consolidamento e la programmazione.  In tal senso Empoli e Salernitana in questa stagione hanno fatto scuola.

    Luca Gallo ha, in un certo senso, imparato che in B può volerci tanta pazienza. Che trovare stabilità e articolare un progetto tecnico in maniera adeguata rappresenta una strada più efficace del “tutto e subito”.

    Anche perché sta nascendo una Serie C “grandi firme” nel senso che stanno arrivando società molto dotate sul piano economico.  In questo momento dalla A stanno arrivando Crotone, Parma e Benevento. Soprattutto queste ultime due hanno disponibilità considerevoli e tutte potranno beneficiare del paracadute.

    Il rischio di fare la fine della Spal, squadrone fuori dai giochi promozione, è una possibilità, non la regola.   Al netto di una, continueranno ad esserci Monza, Brescia, Lecce e Venezia.  Sta arrivando l’ambiziosa Ternana e si riaffaccia tra i cadetti un Perugia a cui non fa difetto né la tradizione, né la forza societaria.  E nei play off ci sono tante proprietà importanti che non vedono l’ora di ritrovare la B.

    E attenzione a chi verrà fuori dai play off di Serie C.   Il tutto mentre la B ha salutato squadre che non facevano degli investimenti una loro prerogativa: Reggiana e Cosenza ad esempio.

    Il livello si alzerà, tecnico come economico.  L’ambizione in casa Reggina resta, ma non deve fare rima con illusione o ossessione.