• German Denis con la maglia della REggina
    German Denis con la maglia della REggina

    Eterno Tanque Denis, ma la squadra dell’ex Reggina non se la passa benissimo

    C’è stato un momento in cui la Reggina ha riscoperto di poter essere grande. La sliding door, in questo senso, è stato l’arrivo a Reggio Calabria di German Denis. Centinaia di persone ad attenderlo in aeroporto, ancora ignari che quel trentottenne da lì a poco si sarebbe legato per sempre affettivamente ai colori amaranto. Il resto è storia, con una promozione e tre anni di carriera che forse neanche l’argentino avrebbe immaginato di vivere dopo aver raggiunto una certa soglia anagrafica.

    Dopo la Reggina, la nuova esperienza di Denis

    Inevitabilmente i tifosi amaranto guardano con attenzione a quella che è la sua nuova aveventura.

    Per il classe 1981 è arrivata l’occasione di segnare anche nell’unica categoria italiana che gli mancava: la Serie D. E puntualmente l’ha sfruttata, segnando lo scorso 2 ottobre la prima rete conla maglia del  Real Calepina, formazione della provincia di Bergamo. Altra città, quella orobica, a cui il Tanque è molto legato. La realizzazione è arrivata su rigore, nel 2-0 con cui la formazione bergamasca ha espugnato il terreno di gioco del blasonato Varese.

    L’altra rete è, invece, arrivata su punizione, contro il Ponte San Pietro in un match finito 1-1.

    La situazione di classifica

    Era il 16 ottobre. Denis ha segnato 2 reti in 8 presenze, giocando sempre da titolare da quando è arrivato.  Ad allenare il Real Calepina, tra l’altro, è Daniele Capelli. Ha giocato nella Reggina di Walter Novellino, in quell’anno in cui i propositi di vittoria del campionato si scontrarono con l’aver scampato la retrocessione per il rotto della cuffia. Il Real Calepina è, al momento, quattordicesimo su diciotto squadre. Ha vinto solo una parttia delle undici giocate. A guidare la graduatoria nel girone B di Serie D, invece, c’è il Lumezzane.

    C’è sicuramente il tempo per recuprare, soprattutto con la guida di Denis.

    Leggi anche: Weekend senza Reggina, ma per Saladini c’è un altro appuntamento importante