• Home / Sport / Reggina / Reggina, Inzaghi: “Non montiamoci la testa, questa partita deve darci carica”

    Reggina, Inzaghi: “Non montiamoci la testa, questa partita deve darci carica”

    “Do un bel voto alla mia squadra. Mi hanno stupito. Siamo partiti il 20 luglio. Non avevamo il campo. Abbiamo dovuto arrangiarci, abbiamo mandato in campo un 2003. Le prime impressioni sono positive”.

    Così Filippo Inzaghi ai microfoni di Italia 1 ha commentato la sconfitta subita dalla Reggina a Genova con la Sampdoria. Tanta sfortuna per gli amaranto.

    “Avevo paura – ha proseguito – di prendere una goleata, la Sampdoria è una squadra importante di Serie A. Ha fatto sette-otto amichevoli. Noi due ed un mezzo torneo. Non montiamoci la testa, ma una partita del genere ci deve dare una grande carica. La società è entrata 20 giorni fa, abbiamo trovato le macerie. La squadra sta facendo un ottimo mercato”.

    “Quest’anno  – ha proseguito – volevo stare fermo, perché venivo da una delusione morale cocente. Mi chiedevo se la mia professionalità meritasse il trattamento avuto l’anno scorso. Volevo andare all’estero dopo essere stato fermo. Invece la Reggina ha cercato di convincermi tutti i modi e hanno toccato le corde giuste. La Reggina mi ha fatto tornare il fuoco dentro, mi sono preso una patata bollente. Però quando trovo persone vere e mi danno la giusta considerazione, non posso dire di no”.