• Home / Sport / Reggina / Reggina: c’è già una spina dorsale?

    Reggina: c’è già una spina dorsale?

    La scelta di confermare Roberto Stellone era per la Reggina la soluzione più logica. Con il poco tempo a disposizione, era necessario scegliere la strada della continuità. Sebbene occorra dire che il tecnico romano non è certo l’ultimo arrivato. Ha vinto un campionato di Serie C, uno di Serie B e ha raggiunto la finale play off con il Palermo.

    Presto sarà tempo di fare scelte di mercato e la Reggina che potrebbe nascere potrebbe essere una sorta di creatura che potrebbe nascere attorno a tre calciatori meno giovani.  Da Cionek in difesa a Menez in attacco, passando per Crisetig.  Attorno a loro potrebbe essere costruita una squadra che avrà un’età media più bassa della passata stagione.  Per questi due obiettivi, ad esempio, aiuta già considerevolmente il non avere il classe ’86 Hetemaj e l’ipotesi d rinunciare al casse ’88 Andrej Galabinov.  Ma non solo.

    La Reggina lo scorso anno aveva un monte ingaggi di circa 7,5 milioni di euro (9,6 con i bonus). L’obiettivo possibile i arrivare a poco più di 5 è tutt’altro che irraggiungibile, con scelte oculate e che già sono sostanzialmente agevolate dal fatto che buona parte della squadra si è ridotto l’ingaggio del 30%.

    Seguiranno sviluppi.