• Home / Sport / Reggina / Reggina, Saladini: “Ho l’onore di presentare il nuovo presidente del club, Marcello Cardona”

    Reggina, Saladini: “Ho l’onore di presentare il nuovo presidente del club, Marcello Cardona”

    di Pasquale De Marte – Seconda uscita da proprietario della Reggina per Felice Saladini.  L’imprenditore lametino, nella sua prima conferenza stampa, ha annunciato che il presidente del club sarà l’ex arbitro di Serie A e perfetto Marcello Cardona.   Il club amaranto avrà, dunque, un presidente reggino e con alle spalle una carriera da uomo dello Stato di livello nazionale.

    “Tutti insieme – ha detto Saladini – possiamo aspirare ad importanti traguardi e a dare a Reggio Calabria tutto ciò che si merita. Tutte le persone che sto scegliendo, mi possono aiutare in questa direzione”.

    “Ho l’onore – ha aggiunto – di presentare il nuovo presidente della Reggina Marcello Cardona’.

    L’emozione di Saladini

    “Ringrazio Saladini – ha detto  il neo presidente –  da reggino per quello che ha fatto e per aver pensato a me per questo incarico”.

    “La settimana scorsa – ha rivelato – ho incontrato il patron e, con tutta onestà, sono andato a questo appuntamento orgoglioso. Tutti sanno che mi accompagno solo con persone di alto valore morale. Mi ha raccontato la sua bellissima vita fatta di lavoro e sacrifici. Gli ho detto che avremmo parlato la settimana successiva. Ho iniziato a discuterne con la mia famiglia ed i miei amici reggini. Tutto quello che io sono riuscito a fare è partito da qua ed io come tanti altri reggini, siamo partiti da qua”.

    E poi il ricordo della sua passione per gli amaranto e il ricordo della sua prima partita vista al Granillo nel 1965

    “Sono qui – ha concluso Cardona – per mettere a disposizione la mia trasparenza e sostenere un imprenditore che ha appeal nazionale. Sono qui anche per sognare e dobbiamo ricominciare a sognare”

     

    Chi è Marcello Cardona, nuovo presidente della Reggina

    Marcello Cardona è nato a Reggi Calabria il 4 dicembre del 1956. Dopo la laurea in Giurisprudenza ha avuto una lunga carriera nella Polizia di Stato. La sua carriera lo ha portato a diventare questore (Varese, Livorno e Milano).Nel 2019 è diventato prefetto di Lodi, trovandosi a gestire l’area più problematica quando nel marzo del 2022 esplose l’emergenza Covid.

    Nel 2020 è stato nominato Commissario per il coordinamento delle iniziative delle solidarietà per le vittime dei reati di tipo mafioso e dei reati intenzionali violenti al Viminale.

    La sua vita però è indiscutibilmente legata anche al calcio. Ha fatto l’arbitro ad alti livelli, arrivando a dirigere decine di partite in Serie A.