• Home / Sport / Reggina / La strategia del prossimo avversario della Reggina: sostenibilità e competitività

    La strategia del prossimo avversario della Reggina: sostenibilità e competitività

    La Cremonese si sta giocando la promozione in Serie A. E lo sta facendo con una squadra giovane, ma largamente in prestito.  Il monte-ingaggi è di quelli importanti, ma tra premi di valorizzazione e minutaggio l’investimento è destinato a rientrare. Anche perché quando si va a prendere un giocatore che proviene da un settore giovanile importante si va a prendere un calciatore che ha accordi da giocatore importante di Serie B:

    Simone Giacchetta, uno che a Reggio non ha bisogno di presentazioni, ha costruito una squadra con tanta verve, gioventù e qualità.  La Nazionale Under 21, ad esempio, può contare un blocco grigiorosso.  Carnesecchi, Okoli, Fagioli e Gaetano compongono la colonia grigiorossa a disposizione di Nicolato.

    Ma attenzione: nessuno è di proprietà del club lombardo.  I primi due sono dell’Atalanta, Fagioli è della Juventus e Gaetano è del Napoli

    E non sono gli unici.  Da Sassuolo la formazione lombarda ha ricevuto Ravanelli, Meroni e Sernicola. Sempre dalla Juventus è arrivato un altro calciatore che sta facendo un grande campionato che è Zanimacchia Di proprietà la Cremonese ha il solo Valeri, tra gli under che gioca di più.

    La Cremonese che ha comunque giocatori di categoria ed esperti (da Di Carmine a Ciofani, passando per  Strizzolo, Bianchetti o Baez) è riuscita a portare all’ennesima potenza ciò che la Reggina ha fatto con  Amione,  Folorunsho, Cortinovis e Turati.

    Giocatori che provengono dai grandi club che si prendono i talenti migliori ed offrono soluzioni importanti per il campionato cadetto.  Non sono patrimonio dei club, garantiscono comunque un calcio sostenibile  e anche opportunità di guadagno attraverso altri sistemi. Non, ovviamente, come se fossero di proprietà, ma hanno profili che rendono più di calciatori esperti a cui si paga solo l’ingaggio.

    Certo è che la Cremonese ha una società importante, organizzata e strutturata per essere pronta a lottare per la Serie A.