• Home / Sport / Reggina / Reggina, Aglietti: “Abito al Sant’Agata per non staccare mai, le imprese nascono dai sogni”

    Reggina, Aglietti: “Abito al Sant’Agata per non staccare mai, le imprese nascono dai sogni”

    «Sto vivendo una full immersion, abito nel centro sportivo di Sant’Agata per non staccare mai. Sono concentratissimo. Ma se le
    cose andranno in maniera eccellente, diciamo con i playoff, mi concederò un cubano invece del solito toscano…».

    Così ai microfoni della Gazzetta dello Sport Alfredo Aglietti ha raccontato come raggiungere i play off sarebbe un grande traguardo per la sua Reggina.

    “Continuità e regolarità  – ha proseguito – devono essere la parola d’ordine. Guai ad abbattersi dopo una sconfitta: se c’è un contraccolpo mentale, ne vai a perdere tre»

    A Reggio l’atmosfera è frizzante «I tifosi sognano, è giusto, le imprese si costruiscono dai sogni. L’equilibrio dobbiamo averlo noi e l’entusiasmo è uno stimolo. Al mio arrivo mi ero detto che dovevamo riavvicinare i tifosi, oggi vedere lo stadio pieno è gratificante”.