• Home / Sport / Reggina / Calcio, Eccellenza – Il Gallico Catona riparte rinnovato e ambizioso

    Calcio, Eccellenza – Il Gallico Catona riparte rinnovato e ambizioso

    di Giuseppe Calabrò – Gallico Catona rinnovato e ambizioso come non mai per la stagione 21/22. Si punta

    ad un campionato di “vertice” , “nona” sinfonia nel massimo campionato regionale

    dilettantistico. E logico e naturale elevare l’asticella, almeno sulla carta, delle

    ambizioni o dei sogni ad un ambiente che cerca un “coinvolgimento” territoriale (

    zona nord di Reggio Calabria) e ridestare l’entusiasmo sopito delle due realtà

    urbanistiche, Gallico e Catona. La splendida struttura dello stadio “ Lo Presti” dovrà

    essere il “volano” per nuovi orizzonti improntati sul coinvolgimento delle famiglie,

    della scuola del comprensorio, delle attività economiche per un processo di crescita

    non solo sportivo ma anche e soprattutto sociale.

    Non sarà facile ma la giovane società ( nonostante una buona e produttiva militanza)

    ci crede con fiducia e entusiasmo , recuperando in “credibilità”.

    Società coesa, esperta, che sicuramente reggerà sul piano degli investimenti fatti,

    senza voli pindarici ma con i piedi ben piantati a terra dopo gli ultimi due sofferti

    campionati si vuole dare una “svolta” con una campagna di rafforzamento chiusa ,

    una delle pochissime volte in nove anni, prima dell’inizio del campionato.

    La società nella sua interezza ha assolto il suo compito, adesso la “palla” passa al

    tecnico e ai giocatori. Mister Peppe Giovinazzo ha la padronanza tecnica e

    caratteriale per far bene , motivare il “ gruppo” o a determinati giocatori sarà

    decisivo nei risultati del Gallico Catona.

    Superata la prima fase di Coppa Italia ( 29 ottobre derby interno contro la

    Reggiomed) è organico di qualità, modulo 4-2-3-1, difesa esperta con l’irriducibile

    trio Calarco, la “bandiera” Peppe Marcianò e il neo arrivato Davide Taverniti, i

    centrocampisti Calivà e Villa e poi il “sublime” trequartista Davide Bonadio, estro

    e fantasia, che deve recuperare la migliore condizione atletica.

    Quest’anno si dovrebbe acquisire la mentalità vincente ( ci sono giocatori che hanno

    vinto campionati e militato in categorie superiori) e poi la cosa basilare in tempi

    difficili come l’attuale creare entusiasmo e fiducia.

    La “ prima” è a Monasterace