• Home / CALABRIA / Emergenza Coronavirus – Jole Santelli proroga la chiusura di diversi comuni

    Emergenza Coronavirus – Jole Santelli proroga la chiusura di diversi comuni

    Ai sensi dell’art. 32, comma 3, della legge 23 dicembre 1978, n. 833 in materia di igiene e sanità pubblica, ferma restando la piena applicazione delle misure nazionali e regionali di contenimento del rischio di diffusione del virus già vigenti, le disposizioni di cui alle Ordinanze di seguito indicate sono prorogate fino al 12 aprile 2020:

    -n. 10 del 17 marzo 2020: Disposizioni relative al Comune di Montebello Jonico (RC).

    -n. 11 del 17 marzo 2020: Disposizioni relative al Comune di San Lucido (CS). -n. 13 del 21 marzo 2020: Disposizioni relative al Comune di Cutro (KR).

    -n. 16 del 22 marzo 2020:Disposizioni relative ai Comuni di Rogliano e Santo Stefano di Rogliano (CS)

    -n. 17 del 23 marzo 2020: Disposizioni relative al Comune di Serra San Bruno (VV).

    -n. 18 del 24 marzo 2020: Disposizioni relative al Comune di Bocchigliero (CS).

    -n. 19 del 27 marzo 2020: Disposizioni relative ai Comuni di Chiaravalle Centrale, Soverato, Cenadi, Torre di Ruggero, Vallefiorita (CZ).

    -n. 21 del 28 marzo 2020 Disposizioni relative al Comune di Melito Porto Salvo (RC).

    Il mancato rispetto degli obblighi previsti dalla presente Ordinanza comporta l’applicazione di quanto previsto dal Decreto-legge25 marzo 2020,  n. 19, ove il fatto non costituisca più grave reato; La presente ordinanza potrà essere aggiornata,ove si rendesse necessario, a seguito della valutazione circa la situazione epidemiologica locale e regionale. La presente Ordinanza, per gli adempimenti di legge, viene trasmessa al Presidente del Consiglio dei Ministri, al Ministro della Salute, ai Prefetti delle Province interessate, alle Aziende Sanitarie Provinciali competenti per territorio, ai Sindaci dei Comuni interessati. Avverso la presente ordinanza è ammesso ricorso giurisdizionale innanzi al Tribunale Amministrativo Regionale nel termine di sessanta giorni dalla comunicazione, ovvero ricorso straordinario al Capo dello Stato entro il termine di giorni centoventi. La presente ordinanza sarà pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione e sul sito istituzionale della Giunta della Regione.