• Home / Primo piano / Coronavirus, nuove misure straordinarie della Regione Calabria: richiesti dati passeggeri a Trenitalia e società autolinee, i dettagli

    Coronavirus, nuove misure straordinarie della Regione Calabria: richiesti dati passeggeri a Trenitalia e società autolinee, i dettagli

    “Ho appena firmato l’ordinanza che introduce misure straordinarie a seguito dell’evoluzione che ha avuto l’emergenza Coronavirus nelle regioni settentrionali. Un’evoluzione che ha spinto tante persone residenti al Nord a far ritorno in Calabria”.

    E’ quanto si legge in una nota diffusa da Jole Santelli, presidente della Regione Calabria.

    “Come già annunciato il documento prevede, per chiunque chiunque arrivi in Calabria o vi abbia fatto ingresso negli ultimi quattordici, giorni dopo aver soggiornato in zone a rischio epidemiologico, la misura della quarantena obbligatoria con sorveglianza attiva.

    È  – si legge   – necessario comunicare questa misura al proprio medico di Medicina Generale o Pediatra di Libera Scelta oppure telefonando al numero verde regionale 800-767676 o al Dipartimento di Prevenzione dell’Azienda Sanitaria Provinciale territorialmente competente, che adotterà le misure necessarie.

    I Dipartimenti di Prevenzione dovranno fornire giornalmente al Dipartimento Tutela della Salute e Politiche Sanitarie e al Prefetto territorialmente competente, le informazioni relative ai soggetti posti in quarantena o isolamento domiciliare con sorveglianza attiva, secondo il format appositamente definito.

    Le società di autolinee e Trenitalia sono tenute a comunicare l’elenco dei passeggeri provenienti dalle zone indicate dal Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri ai Dipartimenti di Prevenzione territorialmente competenti, anche tramite i sindaci.

    I Prefetti delle Province regionali, invece, dispongono verifiche presso le stazioni ferroviarie, aeroportuali, le stazioni delle autolinee interregionali.

    I sindaci, in qualità di autorità locale di protezione civile, dovranno valutare l’apertura del Centro Operativo Comunale con l’attivazione di attività di “Assistenza alla popolazione” e “Volontariato”, dedicate alle categorie fragili e ai cittadini sottoposti a quarantena o isolamento domiciliare.

    Sul sito istituzionale della Regione Calabria sarà a breve pubblicata una scheda censimento per il monitoraggio dei rischi da Covid-19. Dovrà essere compilata da chiunque arrivi in Calabria o vi abbia fatto ingresso negli ultimi quattordici, giorni dopo aver soggiornato in zone a rischio epidemiologico”.

    Ecco l’elenco delle disposizioni dell’ordinanza:

    1. A chiunque arrivi in Calabria o vi abbia fatto ingresso negli ultimi quattordici giorni dopo aver
    soggiornato in zone a rischio epidemiologico, come identificate dall’Organizzazione Mondiale della
    Sanità e:
    -nella Regione Lombardia
    – nelle province di Modena, Parma, Piacenza, Reggio nell’Emilia, Rimini, Pesaro e Urbino,
    Alessandria, Asti, Novara, Verbano-Cusio-Ossola, Vercelli, Padova, Treviso e Venezia
    dove è stata dimostrata la trasmissione locale del virus (DPCM 08 marzo 2020 l’aggiornamento del
    quale potrà essere conosciuto attraverso il sito istituzionale del Ministero della salute e della
    Regione),
    si applica la misura della quarantena obbligatoria con sorveglianza attiva.
    2. Chiunque si trovi nelle condizioni di cui al punto 1, deve comunicare tale circostanza
    direttamente – ovvero attraverso il proprio Medico di Medicina Generale o Pediatra di Libera scelta,
    oppure telefonando al numero verde regionale 800-767676 – al Dipartimento di Prevenzione
    dell’Azienda Sanitaria Provinciale territorialmente competente, che adotterà le misure già previste
    nell’Ordinanza n. 1/2020.
    3. I Dipartimenti di Prevenzione forniscono giornalmente al Dipartimento Tutela della Salute e
    Politiche Sanitarie e al Prefetto territorialmente competente, le informazioni relative ai soggetti
    posti in quarantena o isolamento domiciliare con sorveglianza attiva, secondo il format
    appositamente definito.
    4. I Dipartimenti di Prevenzione comunicano al Sindaco, quale Autorità Sanitaria Locale, la
    prescrizione di quarantena obbligatoria presso il domicilio dei singoli soggetti interessati, per
    l’emanazione del provvedimento di competenza.
    5. Le società di autolinee, Trenitalia e le compagnie aeree devono comunicare l’elenco dei
    passeggeri provenienti in Calabria dalle zone di cui al punto 1. ai Dipartimenti di Prevenzione
    territorialmente competenti, anche tramite i sindaci.
    6. I Prefetti delle Province regionali dispongono verifiche presso le stazioni ferroviarie,
    aeroportuali, le stazioni delle autolinee interregionali, per l’applicazione di quanto disposto con la
    presente Ordinanza.
    7. Al Sindaco, quale Autorità locale di Protezione Civile si demanda la valutazione circa l’apertura
    del Centro Operativo Comunale con l’attivazione di almeno le funzioni “assistenza alla
    popolazione” e “volontariato”, anche al fine di garantire la necessaria assistenza alle categorie
    fragili e ai cittadini sottoposti a quarantena o isolamento domiciliare, nonché opportune iniziative di
    sensibilizzazione nei confronti della popolazione.
    8. Con successivo provvedimento saranno disposte ulteriori procedure operative per gli
    adempimenti previsti dalla presente Ordinanza.
    La presente ordinanza è pubblicata sul sito istituzionale della Regione Calabria ed ha validità fino a
    nuovo provvedimento.
    La presente ordinanza, per gli adempimenti di legge, viene trasmessa al Presidente del Consiglio dei
    Ministri, al Ministro della Salute, ai Prefetti.
    Avverso la presente ordinanza è ammesso ricorso giurisdizionale innanzi al Tribunale
    Amministrativo Regionale nel termine di sessanta giorni dalla comunicazione, ovvero ricorso
    straordinario al Capo dello Stato entro il termine di giorni centoventi.
    La presente ordinanza sarà pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione e sul sito istituzionale
    della Giunta della Regione.