• Home / RUBRICHE / Tribunale del malato / Tribunale del Malato: “Razionalizzare si deve. Tagliare indiscriminatamente,no”

    Tribunale del Malato: “Razionalizzare si deve. Tagliare indiscriminatamente,no”

    tibunaledelmalato
    Di seguito la nota diffusa da Cittadinanzattiva – T.D.M.Calabria
    Da qualche giorno è tornato in auge nella nostra città, il gravoso problema delle Cliniche Private convenzionate,

     ma la situazione di crisi che investe questo settore e più in generale quella di tutto il Servizio Sanitario Regionale, ormai ha raggiunto un grado di parossismo, del quale, neppure a dirlo, ne fanno le spese i cittadini e i malati nello specifico.

    Se da un lato è vero che le strutture pubbliche cittadine non riescono a sopperire alle richieste di prestazioni ambulatoriali e/o specialistiche per mancanza di fondi,macchinari e professionisti, dall’altro, e pur vero, che in questi ultimi anni si è avuto un aumento esponenziale del numero delle Cliniche Private convenzionate dalla Regione Calabria che hanno fatto lievitare la spesa in quest’ambito.

    Questo, secondo Cittadinanzattiva – Tribunale per i Diritti del Malato, ha portato una sorta di abbandono da parte dell’utenza delle strutture territoriali che invece dovrebbero la “prima linea” della tutela sanitaria nell’ambito diagnostico e clinico.

    Il lavoro delle Cliniche Private è indispensabile a sostegno della Sanità Pubblica Regionale ma non può ad essa sostituitisi, dunque riteniamo che il potenziamento delle Strutture Ambulatoriali Territoriali sia indispensabile per un reale e sicuro funzionamento della sanità calabrese.

    Ovviamente ciò non deve portare ad una situazione di conflitto tra pubblico e privato, dove a farne le spese sono solo i cittadini, ma la creazione di un reale sistema complementare di assistenza che necessità le giuste risorse.

    Ed è proprio nell’ambito delle risorse che, Cittadinanzattiva – Tribunale per i Diritti del Malato, invita la Regione Calabria ha non usare indiscriminatamente la scure dei tagli laddove si presentano situazioni di reale funzionamento della Sanità.

    Nell’ambito delle Cliniche Private, il cosiddetto sistema del budget, approntato dalla Regione Calabria, ci sembra una buona via da seguire, a patto che la somma stanziata risponda da un lato a quelle che sono le reali esigenze sanitarie del territorio dettate da seri studi e verifiche sul numero di prestazioni richieste in base alla popolazione e alle sue esigenze  e dall’altro a dei criteri di meritocrazia ed eccellenza.

     

     

    La Segreteria Regionale

    Cittadinanzattiva – T.D.M.Calabria