• Home / RUBRICHE / Storie / Concorsi Regione, Bova. ''Chi vince non dovrà ringraziare nessuno!''

    Concorsi Regione, Bova. ''Chi vince non dovrà ringraziare nessuno!''

    graduatorieregione.jpgLa correzione delle prove preselettive dei 19 concorsi espletati dal Consiglio regionale della Calabria si è conclusa nella tarda serata di ieri. Tutto è andato come previsto e nell’arco di 48 ore i questionari presentati dai quasi diecimila candidati sono stati corretti in maniera immediata e trasparente, attraverso la lettura ottica di uno scanner collegato a un computer.

    Ogni singolo passaggio della procedura è stato seguito dagli obiettivi di tre telecamere collegate in videoconferenza con due maxischermi, collocati nella sala “Federica Monteleone” di palazzo Tommaso Campanella. Durante tutta la durata delle correzioni, è stata proiettata anche l’immagine dello schermo del computer che stava svolgendo le operazioni, per consentire a ciascuno di vedere effettivamente cosa stesse accadendo.
    Il lavoro è andato avanti alacremente e senza sosta, per evitare che potesse essere lasciata in sospeso la correzione di alcune prove. Anche perché è stata grande l’attesa da parte dei candidati, dei loro familiari e dei tanti curiosi che durante l’arco della giornata, e fino a tarda sera, hanno popolato la sala “Monteleone” e l’atrio antistante la stessa.
    Volti tesi, stanchi, preoccupati, alla fine felici o amareggiati. Volti comunque sereni, grazie alla serietà e alla trasparenza delle procedure, quelli delle ragazze e dei ragazzi che hanno atteso pazientemente l’affissione delle graduatorie di merito ed alfabetiche. Ai lavori ha assistito fino in fondo il presidente del Consiglio regionale della Calabria, Giuseppe Bova, che ha anche avuto modo di intrattenersi con i candidati presenti, rispondendo alle loro numerose domande.
    L’on. Bova ha illustrato, passaggio dopo passaggio, come si è arrivati all’espletamento delle preselezioni e quali decisioni sono state assunte, al fine di garantire il massimo di rigore e trasparenza. «Chi partecipa a questo concorso – ha spiegato il Presidente – sa di poterlo vincere, facendo affidamento sulle proprie forze e le proprie capacità: solo ed esclusivamente su quelle. Qui non ci sono “santi in paradiso” e, forse, una parte di coloro che non si sono presentati alle preselezioni ha rinunciato proprio per questo motivo. Abbiamo voluto porre tutti sulla stessa linea di partenza, mettendo a disposizione gratuitamente, con sessanta giorni d’anticipo, le banche dati con le domande e le risposte esatte. Alla fine, chi avrà vinto questo concorso – ha concluso l’on. Bova – non dovrà ringraziare proprio nessuno. E’ con questo spirito che abbiamo deciso di operare con equità, rigore e trasparenza assoluta».
    Le graduatorie provvisorie resteranno affisse fino a domani sera nella sala “Monteleone”. Successivamente si procederà, in tempi brevissimi, alla pubblicazione delle stesse sul sito internet del Consiglio regionale. I candidati avranno così la possibilità di esercitare il diritto di accesso agli atti. Sempre sul sito internet del Consiglio regionale verranno pubblicati tutti gli avvisi relativi alle successive prove dei concorsi.