• Home / RUBRICHE / Storie / Apertura Anno Accademico, Giovannini “bacchetta” Mussi e Grasso chiama i giovani

    Apertura Anno Accademico, Giovannini “bacchetta” Mussi e Grasso chiama i giovani

     annoaccademico

                                      di Emanuela Martino 

    Passerà alla storia come "l'anno di Piero Grasso", ma l'inaugurazione dell'Anno Accademico dell'Università "Mediterranea" di Reggio Calabria stavolta non passa inosservata. Non è solo un fatto di presenza – pur simbolicamente assai rilevante – ma di contenuti. Ed a proposito di contenuti proprio il Rettore Massimo Giovannini, col tono e l'autorevolezza


    che gli deriva da un ruolo che sarebbe ora che gli Atenei tornassero a ricoprire ed a reclamare a gran voce, ha tuonato, anche contro il Governo Prodi “Nella riflessione di Mussi – ha affermato Giovannini – pur nella bontà della pluralità degli interventi programmati, è mancata l’idea di un progetto unitario, meglio sarebbe stato un programma di riforma dell’intero sistema che delle sue singole parti".

    Altrettanto incisivo l'intervento del Procuratore Antimafia, Piero Grasso: . “I programmi devono essere alternativi e costruttivi – ha detto il Procuratore- da far girare in spazi dove i giovani siano soggetti attivi della società”. Per combattere la criminalità organizzata occorre in prima istanza superare l’isolamento, la tendenza alla separatezza,  per giungere alla capacità di lavorare in squadra. Dal concetto del “primo della classe” si deve cioè arrivare al “gruppo di lavoro” che operi secondo il principio della “Reciprocità” piuttosto che su quello della “superiorità