• Home / RUBRICHE / Storie / Nelle acque delle Eolie in aumento capodogli e balenottere

    Nelle acque delle Eolie in aumento capodogli e balenottere

    eolieNelle acque dell'arcipelago delle isole Eolie e' in aumento la presenza di delfini, capodogli e balenottere. Il dato e' stato registrato dalla 'Necton marine research society', una societa' siciliana di ricerca marina che realizza dal 2001 studi e ricerche sull'ambiente marino. Il monitoraggio effettuato dallo staff della Necton nelle acque dell'arcipelago siciliano si e' svolto nel corso dell'Eolian cetacean project, un progetto della Necton che unisce l'


    attivita' di ricerca con la didattica. ''Questo aumento della presenza di cetacei nell'arcipelago delle Eolie, in particolar modo di capodogli e balenottere, e' da relazionare a diversi fattori come la diminuzione dell' utilizzo di alcuni sistemi di pesca poco selettivi e all'aumento delle temperature superficiali che favoriscono condizioni favorevoli di crescita per il krill, nutrimento per i cetacei'', commenta Antonio Celona presidente della Necton. I primi avvistamenti dell'Eolian cetacean project risalgono a maggio. ''Nel periodo compreso tra maggio e agosto 2007 – prosegue Celona – sono stati effettuati 29 avvistamenti nel corso dei quali sono stati osservati 20 esemplari di balenottera comune (Balaenoptera physalus) e 16 esemplari di capodoglio (Physeter macrocephalus). Non sono naturalmente mancati avvistamenti di gruppi di delfinidi come tursiopi (Tursiops truncatus) e stenelle (Stenella coeruleoalba)''(ANSA)