• Home / RUBRICHE / Storie / Operazione “Testamento”: gli scenari

    Operazione “Testamento”: gli scenari

    reggiocalabriaNon è ben noto il motivo per il quale gli inquirenti l'abbiano denominata "Operazione testamento", tuttavia gli arresti relativi all'indagine sui legami pericolosi tra la cosca "Libri" e la politica hanno, ovviamente, lasciato il segno.

    Si cerca, in realtà di individuare il confine, l'esatto margine di manovra rispetto al quale le attività criminali abbiano incrociato pericolosamente i destini della Pubblica Amministrazione.

    Il nodo, ovviamente, sta nel nome di Massimo Labate, poliziotto – e questo è un dato forse ancora più inquietante- consigliere comunale di An, con 1400 voti in carniere.

    Gli inquirenti, a margine delle attività "classiche" della cosca relative alla spartizione del territorio, secondo un clichè tanto triste quanto antico, hanno ritenuto di puntare l'accento sul voto di scambio in favore del Labate sostanziatosi, secondo la ricostruzione in "favori istituzionali, promesse ed impegni in veste istituzionale" da un lato e nei "voti procurati in modo mafioso" dall'altro.

    In effetti, per ciò che riguarda le singole attività di condizionamento della P.A. , chi si aspetta "inciuci" per cifre a sei zeri resta deluso, visto che le accuse riguardano piccoli contributi in favore di associazioni culturali o volti alla realizzazione di mostre. Diversa, invece, è l'ipotesi di "inserimento di lavoratori da assumersi all'interno della società 'Leonia s.p.a.' ", ovvero dell'inserimento di "professionisti di sua fiducia (quali architetti, geometri ed ingegneri) nell'ambito dei professionisti da coinvolgersi nei lavori finanziati col decreto-Reggio".

    "Tutto ciò" – scrivono gli inquirenti- "ha consentito alla cosca di accreditarsi e rafforzarsi anche verso l'esterno (la comunità e le altre consorterie criminose) vantando e spendendo i propri collegamenti con la politica e la Pubblica Amministrazione".

    A proposito di questa, tuttavia, sono gli stessi inquirenti a sottolineare una certa resistenza incontrata dal Labate nel raggiungimento degli obiettivi.