• Home / RUBRICHE / Storie / La Reggina e quei finanziamenti che non piacciono

    La Reggina e quei finanziamenti che non piacciono

    consiglio_regionaleI cambiamenti, si sa, non da tutti vengono interpretato con la giusta serenità: proprio per questo una retrocessione dalla serie A alla serie B viene avvertita come una vera e propria catastrofe, un deciso cambiamento di scenari che non tutti sono in grado di accettare. Insomma, la serie A è ovviamente un bene prezioso, se così non fosse non esisterebbero le categorie sportive. Purtuttavia c’è chi dice che un patrimonio sportivo è tale e non è soggetto a nessun tipo di


    classificazione. In parole povere, non esistono patrimoni di serie A e di serie B, figuriamoci di serie C! Si è discusso di questo in Commissione Bilancio. Francesco Talarico dell’Udc ha infatti illustrato l’emendamento protocollo numero 172/1 con il quale la Giunta regionale è autorizzata a concedere un contributo straordinario alle squadre calabresi militanti nel campionato di C2. Le squadre in questione sono quattro: Rende, Vibonese, Catanzaro e Vigor Lamezia, società che non hanno mai ricevuto alcun contributo. Contributi che invece ha ricevuto, e in abbondanza, un’altra società calabrese, la Reggina Calcio. Ora, chi conosce appena l’ABC del campo legislativo sa bene che i precedenti contano non poco. Lo sanno bene Domenico Tallini dell’Udeur e Damiano Guagliardi di Rifondazione Comunista. Il primo, già reso celebre da Riccardo Iacona nel suo “Pane e politica” per aver aggirato la bufera parentopoli scambiando con un altro consigliere le assunzioni di parenti a incrocio, ha riferito come l’emendamento in discussione dovesse essere sostenuto perché rientrante in quella linea di sostegno alle squadre sportive, di cui la Reggina Calcio ha negli anni beneficiato. Il secondo ha invece affermato di essere sempre stato contrario ai finanziamenti concessi alla Reggina, dal momento che questo negli anni ha creato forti disparità di trattamento tra le varie attività sportive. Lo stesso Guagliardi ha però proposto di destinare delle cifre ad altre società sportive che hanno rilevanza regionale. Ma, quando la discussione si fa scomoda capita spesso che si apra un cassetto e la si lasci scivolare dentro con nonchalance. Detto, fatto. Il presidente Chieffallo ha infatti comunicato l’accantonamento dell’emendamento e i lavori hanno preso un’altra strada.