• Home / RUBRICHE / Nuova Urbanistica Mediterranea / Ad ''urbanistica'' per tre anni didattica e lauree dedicate alla città ed all'Area Metropolitana

    Ad ''urbanistica'' per tre anni didattica e lauree dedicate alla città ed all'Area Metropolitana

    stretto3.JPG
    di Enrico Costa* –
    La prospettiva concreta di una “Area metropolitana dello Stretto” (si, proprio così, senza antistorici e campanilistici primati), a partire dall’istituzione della “Città Metropolitana” di Reggio Calabria

     nell’ambito della riforma che il Parlamento nazionale sul federalismo fiscale (la realtà metropolitana messinese è tale in base alla legislazione siciliana, trattandosi com’è noto di Regione a Statuto speciale) rappresenta un’indubbia occasione storica la cui portata strategica per lo sviluppo dei nostri territori non sfugge a chi come urbanista opera nell’Università.

    Due settimane fa (su Strill.it di domenica 15 Marzo 2009, “L’unità come valore, il confronto come metodo”) in occasione dell’approvazione parlamentare dell’emendamento che con Reggio Calabria porta a dieci (oltre alle tre siciliane) le città metropolitane del nostro Paese, scrivevo che “Dal momento in cui il dibattito istituzionale e l’azione legislativa hanno cominciato a far intravedere una prospettiva di concretezza, il Corso di laurea in PTU&A (Pianificazione territoriale ed urbanistica), che tra pochi mesi riassumerà la denominazione originaria e gloriosa di CdL in “Urbanistica” ha già predisposto un confronto pubblico secondo una formula originale, non una esibizione di saperi, non una passerella di politici, non una perdita di tempo, non un convegno né una conferenza di stampo tradizionale ma, visto che tutto è partito ed è stato possibile grazie ad un inedito clima di “dialogo”, un contenitore di dialoghi sui diversi temi fra ricercatori, politici, amministratori ed operatori, durante i quali ci si confronti realmente per prospettare i problemi, per cominciare ad intravvedere il modo di costruire le soluzioni”.

    Università ed Istituzioni, Professori, Politici ed Amministratori dialogheranno per un’intera intensa giornata, con rigore e concretezza, sulla portata politico-istituzionale ed economico-sociale su quello che passerà alla storia come “l’Emendamento”, su “Innovazione e Pianificazione”, su “Governo sovracomunale e identità locali”, sulla “Mobilità metropolitana”, su “Investimenti, sviluppo e professionalità”, su “una nuova cultura metropolitana”, su “Strategie e nuova pianificazione per la Città Metropolitana”, e sugli “Scenari Metropolitani tra Calabria e Sicilia”.

    Abbiamo preso l’iniziativa di promuovere entro Aprile i DIALOGHI SULLA CITTÀ METROPOLITANA, coerentemente con quanto ha affermato (“la presenza da tanti anni del Corso di Laurea in Urbanistica consente alla Mediterranea di parlare con autorevolezza”) uno dei Rettori che si sono avvicendati alla guida della nostra Università nei confronti di un Corso di Laurea nato nel ’73/74 per diventare una autonoma Facoltà, che ha i numeri per essere una Facoltà, che è “una Facoltà nella Facoltà”, che costa quanto una Facoltà, che deve diventare Facoltà perché solo con la piena autonomia potrà dare alla città ed al suo territorio quel contributo allo sviluppo che solo una Facoltà autonoma può essere in grado di fornire.

    È per questo che con questi “Dialoghi” scenderanno in campo praticamente tutti i ventuno Professori e Ricercatori incardinati nel Corso di Laurea in Urbanistica, ed i qualificati Professori supplenti ed a contratto che ne integrano le competenze.

    Ma non ci limiteremo a questa iniziativa: il Corso di Laurea in “Pianificazione Territoriale, Urbanistica ed Ambientale” della “Mediterranea”, proprio in occasione, con l’imminente nuovo anno accademico 2009/10, della riappropriazione dell’originario titolo di “Urbanistica” intende mettere a disposizione del territorio tutte le proprie competenze nell’esercizio delle proprie finalità scientifiche e formative, non solo con l’importante Convegno di fine Aprile, ma con un’attività continuativa per una formazione di ampio respiro estesa su un arco triennale e dedicata al processo di metropolitanizzazione del nostro territorio.

    Per tre anni a studenti e docenti si prospetterà l’opportunità di dedicare i propri Corsi alle tematiche della “Città Metropolitana” di Reggio Calabria e della “Area metropolitana dello Stretto”.

    Se ne occuperanno, con la freschezza del loro approccio sia gli studenti dei primi anni, cioè della Laurea Triennale, che, con maggiore esperienza ed adeguati approfondimenti, gli studenti della Laurea Magistrale in Urbanistica, i quali assieme ai loro docenti studieranno, analizzeranno e progetteranno la nuova realtà metropolitana.

    Ma non basta, anche le Tesi di Laurea saranno il più possibile orientate sulle tematiche della “Città Metropolitana” di Reggio Calabria e della “Area metropolitana dello Stretto”.

    Ne nascerà un grande “Laboratorio per l’Urbanistica Metropolitana”, e ne uscirà un formidabile parco di idee e progetti che accompagneranno la crescita della nuova realtà metropolitana, e dei quali la nuova realtà metropolitana potrà positivamente avvantaggiarsi.

    Ce ne occuperemo a tutto campo, ed a trecentosessanta gradi: dall’analisi del territorio alla pianificazione territoriale, dalla progettazione urbanistica a quella paesaggistica, dagli aspetti giuridici a quelli istituzionali, dalla “governance” al “welfare” urbano e metropolitano, dall’ecologia alla progettazione ambientale, dalle infrastrutture ai trasporti, dalla storia e cultura della Calabria all’economia, dalla storia al restauro del territorio, dalla pianificazione dello spazio europeo a quello mediterraneo, dalla sociologia alla cooperazione internazionale, dalla rappresentazione alla comunicazione del territorio, dalla pianificazione delle aree protette al marketing territoriale. E tanto altro ancora.

    Saranno tre anni entusiasmanti, durante i quali con la comunità metropolitana, ma anche con la comunità scientifica nazionale e non solo, discuteremo pubblicamente dei risultati via via conseguiti, ed il cui successo sarà garantito dalla generosità di studenti sempre più motivati e dalla serietà dell’impegno professionale di un sempre più qualificato corpo docente.

    *Ordinario di Urbanistica

    Presidente del Corso di Laurea in “Urbanistica” presso la “Mediterranea”