Home / RUBRICHE / MeteoWeb / Imminente un violento peggioramento nelle zone joniche

Imminente un violento peggioramento nelle zone joniche


Intenso maltempo nelle zone joniche

 Scilla e Cariddi Sembrava che gli ultimi giorni dell'anno dovessero trascorrere in modo
tranquillo e abbastanza stabile, invece la novità dell'ultima ora, a
sorpresa, è che invece un serio peggioramento proveniente dal largo del
mar jonio interesserà le zone più meridionali dello Stretto di Messina
portando piogge intense nelle aree più sud/orientali del Messinese e
nel Reggino Jonico.

 
 

Infatti le correnti da est, pur senza un'organizzata depressione,
porteranno piogge temporalesche che tra venerdì 28, sabato 29 e le
prime ore di domenica 30, interesseranno le zone joniche dello Stretto.

Le temperature rimarranno stazionarie, con minime poco sopra le medie
del periodo tra +10 e +11°C e massime nelle medie tra +15 e +16°C.

Non ci saranno piogge rilevanti nelle zone tirreniche dello Stretto,
anzi, addirittura tra le nubi potrà far capolino il sole nel versante
nord/occidentale di messinese e reggino.

Nello Stretto,
invece, ci saranno piogge via via più intense scendendo verso
meridione. A Messina potranno cadere circa 8-10mm di pioggia, a Reggio
circa 15.

Ma le zone joniche saranno colpite in modo
intenso: già a Tremestieri potranno esserci accumuli di 20-25mm, oltre
30-35mm tra Mili e Galati, oltre 50mm tra Giampilieri e Scaletta
Zanclea, oltre 75-80 mm tra Alì Terme, Nizza di Sicilia, e Roccalumera,
oltre 100mm a Taormina nel complesso dei tre giorni.

Anche
nel basso Reggino Jonico (Melito di Porto Salvo oltre 30mm) e nel
Reggino Jonico (Locri 60mm, Gioiosa 50mm, Brancaleone 70mm) pioverà in
modo intenso.

La neve cadrà in Aspromonte e sull'Etna solo oltre i 1.600/1.650 metri, in modo abbondante.

E' ancora molto incerta poi l'evoluzione per lunedì 31, la notte di San
Silvestro e i primissimi giorni dell'anno: c'è molta confusione nella
tendenza dell'evouzione meteorologica, tant'è che fino a poche ore fa
non esistevano presupposti che facessero immaginare un peggioramento di
tale entità nelle zone joniche dello Stretto e della Sicilia e Calabria
in genere (Catanese e Siracusano saranno pesantemente colpite dalle
piogge ancor più delle zone sud dello Stretto!).

Ancora un
pò di pazienza, quindi, per sciogliere la prognosi di fine anno/inizio
2008, intanto attenzione all'ultimo peggioramento del 2007, che a
quanto pare sarà davvero serio.

Peppe Caridi – Presidente MeteoWeb

peppe.caridi@meteoweb.it