• Home / RUBRICHE / Mare nostrum / Ravioli di pesce ai gamberetti

    Ravioli di pesce ai gamberetti

    ravioliaigamberetti
    I ravioli, quando li si vuole al pesce, è bene riempirli con un trito di filetti di pesce un pò grasso, come spada (le parti più vicine alle interiora) , ricciola o per esempio cernia.

    L’ideale per cucinarli è una salsa leggera a base di verdure da sfumare leggermente.
    In questo caso potremo abbinargli i gamberetti, crostacei molto delicati.
    Per quattro persone potrete preparare dunque:

    – 300 gr. di pasta all’uovo (da stendere o già stesa)
    – 3 cucchiai di ricotta
    – una manciata di  gamberetti rossi
    – 200 gr. di filetti di cernia
    – 1 uovo
    – prezzemolo
    – 1 spicchio d’aglio
    – 2 zucchine
    – bottarga di muggine (facoltativa)
    – 2 bicchieri di fumetto di pesce.

    Sgusciate 10 gamberi (utilizzare le teste per preparare il fumetto di pesce con mezza carota, un pò di sedano e mezza cipolla).  Sbollentate per qualche minuto i gamberi e i filetti di cernia e, dopo averli scolati bene, tritatei finemente e poreteli in una ciotola. Aggiungete la ricotta e l’uovo, un pizzico di sale e una spolverata di pepe e amalgamate bene.
    Stendete la pasta all’uovo fino ad uno spessore di circa 1 mm e ricavatene delle strisce di circa 10 cm di larghezza.  Con l’aiuto di un cucchiaio fate delle cupolette di composto. Richiudete le sfoglie su loro stesse e fate una leggera pressione sulla sfoglia con il dito intorno al ripieno in modo da far uscire l’aria all’interno. A questo punto con una rotella tagliate i ravioli.
    Pulite le zucchire e prendete solo la parte verde e più croccante eliminando la parte bianca e tagliatele alla julienne.
    In una padella versate un pò d’olio, lo scalogno tritato e le zucchine. Fate Saltare per qualche minuto e mettete da parte. Versate nella padella i rimanenti gamberi  e sfumate con un paio di mestoli di fumetto. Quando il brodo sarà asciugato uniteci le zucchine e fate cucinare ancora un paio di minuti.Lessate i ravioli e a cottura ultimata ripassate nella padella con il condimento. Aggiungete un mestolo dell’acqua di cottura per legare il condimento. Spolverate di prezzemolo. Per chi vuole una spolverata di bottarga.Servite con fresco chardonnay trentino.

    Vittorio Renzelli.