• Home / RUBRICHE / Lettere a Babbo Natale 2011 / La letterina di Valentina Vadalà

    La letterina di Valentina Vadalà

    regalo
    di Valentina Vadalà –
    Caro Babbo Natale,
    non credevo ti servissi di internet per conoscere i desideri della gente,ma considerando che a Reggio di desideri ne abbian tanti e di voglia

    di scriver letterine poca,capisco e apprezzo questa tua nuova soluzione.
    Quest’anno più del solito mi sono sforzata di esser buona,di aver fiducia nelle persone,di comprendere tutta la realtà intorno a me.Purtroppo i risultati son quel che sono,ma immagino questo tu già lo sappia.
    Così avrei una richiesta piuttosto singolare:vorrei la possibilità di esser buona perchè dove vivo non è poi così scontata.
    Vorrei che questa piccola città si risvegliasse e smettesse di ostentare quella rassegnazione che detesto.Sembra che molti credano che siamo condannati all’immobilismo,alla nostra bieca realtà che ne sono certi,non potrà cambiare.Io invece ci credo,anche tanto nelle persone che abitano qui,solo che hanno bisogno di sentirsi protette,tutelate e rassicurate che voler fare la differenza non comporti un suicidio.
    Per essere pratici,potresti iniziare dalle istituzioni politiche,poi continuare con le scuole e le università e se tempo e forze ne hai ancora,potresti mettere a posto un paio di cattivoni:noi qui li chiamiamo ‘ndranghetisti.Vedrai che se riesci a migliorare questo posto,le persone torneranno a combattere per i loro diritti e l’opera potranno continuarla loro stessi.Ci serve solo qualche spintarella che ci faccia credere nelle nostre potenzialità.
    Suvvia lo so che non sei Berlusconi,ma rimani pur sempre Babbo Natale,non sarai potente quanto lui,ma di consensi tu ne hai a palate!
    Caro Babbo lo sai che cerco sempre di trovare il lato positivo delle cose ma come posso non sentire la voglia di fuggire via?
    Noi giovani siamo poco ascoltati,poco aiutati nella nostra formazione e nella nostra crescita,abbiamo poche possibilità di lavoro e quelle che abbiamo pretendono sempre compromessi troppo grossi,compromessi che vanno a intaccare la nostra onestà e imbruttiscono la nostra coscienza.E’ un pò triste che non abbia nessun altro a cui rivolgermi e debba scomodare te,però tieni presente che questo mio desiderio è ai limiti della realtà,forse un pò come te.Mi piacerebbe che per l’anno nuovo seminassi fiducia in tutti quelli che possono aiutarci a rendere meno brutta questa città,s’intende un passo alla volta,però urge iniziare!
    Vabbè grazie comunque dell’attenzione,anzi ti faccio pure un regalo:continuo a credere e operare per una società più giusta,così ti tolgo un pò di lavoro!
    Con grande fiducia
    Valentina

    Ps. Se non chiedo troppo Alessia,mia sorellina di 10 anni,vorrebbe poter andare al mare sotto casa,alla Sorgente l’estate prossima.Se potessi smuovere chi di dovere a ripulire e disinfettare la spiaggia e magari asfaltare la strada che porta ad essa,faresti felicissima Alessia e tutti i bambini che ogni estate sono costretti a far castelli di sabbia tra ferraglie e rifiuti.Grazie ancora!