• Home / RUBRICHE / Lettere a Babbo Natale 2011 / La letterina di Giuseppe Daniele Canale

    La letterina di Giuseppe Daniele Canale

    Caro Babbo Natale,

    chissà se davvero esisti, ma voglio sperare che una figura buona come la tua, nell’immaginario collettivo, possa esaudire le richieste di tanta gente bisognosa e che dignitosamente affronta le oggettive avversità che la vita gli prospetta.

    “Buon Natale”…un rituale troppo spesso evocato con superficialità condito da una buona dose di sentimento fin troppo convenzionale.

    Già, “buon Natale”…mai come in questo periodo l’emarginazione fa sentire il suo cupo fardello. insopportabile.

    In tutti i modi si cerca di esorcizzare questo stato d’animo per vergogna, vergognarsi di essere soli e alleviati da un paternalismo buonista ed ipocrita.

    Ma chi è “abbandonato”, resta ancor più solo mentre rastrella qualche briciola di un amore che dura fino al giorno della Natività.

    Buon Natale a te, anonimo e tormentato essere umano scartato dalla società perbenista.

    Buon Natale alle “gelide” abitazioni, senza calore, senza amici che ti scaldano il cuore con una semplice chiacchierata addolcita da un panettone donato da qualche caritatevole “babbo natale”…

    Buon Natale a chi affronta, con dignità, la malattia e la gelida “figura nera” che accompagna le tue notti insonni…

    Buon Natale a chi non ha un “quattrino”, emarginato dai consumi, dal lavoro, dalla certezza di una vita appena passabile…

    Buon Natale a te,che subisci gli spietati modelli dell’edonismo imperante…

    Buon Natale con l’aspettativa meno sinistra e che per il momento non se ne vede una “luce”…Buon Natale a te che stai in cima a una gru e a te che rivendichi il diritto al lavoro su di un isola “lontana” e che” deserta” rimarrà…

    Buon Natale ai giovani scoraggiati da un futuro incerto, senza promesse se non quelle degli imbonitori politici che hanno fatto del governo ( Berlusconi docet ) un’agenzia pubblicitaria ingannevole…

    Un auspicio, di cuore, e poca cosa; ma se è sincero ,mirato e non convenzionale, potrebbe portare un sassolino di sabbia di quiete.

    Dimenticavo, auguri anche a te.

    Voglio sognare…

    Giuseppe Daniele Canale.