• Home / PUBLIREDAZIONALE / Publiredazionale / Horcynus Festival Reggio Calabria, il cantautorato mediterraneo dei Radiodervish protagonista al parco Ecolandia, lunedì 31 agosto

    Horcynus Festival Reggio Calabria, il cantautorato mediterraneo dei Radiodervish protagonista al parco Ecolandia, lunedì 31 agosto

    Nabil Salameh, voce, buzuki e percussioni, Michele Lobaccaro, chitarra, basso e cori, Alessandro Pipino, tastiere, fisarmonica e cori, Pippo Ark D’Ambrosio, percussioni. Da oltre vent’anni loro sono i Radiodervish, un quartetto al quale si deve un originale cantautorato che loro stessi amano definire “mediterraneo”. La loro poetica musicale affascinerà il pubblico dell’Horcynus Festival Reggio Calabria, lunedì 31 agosto alle ore 21:30 al parco Ecolandia.

     

    Il concerto è un invito ad uscire dalla caverna del pensiero unico per ritrovare la primigenia dimensione dell’incontro con la diversità, di cui il Mediterraneo è stato in ogni tempo fucina.  Ogni canzone è un laboratorio in cui mondi diversi si affiancano e si incrociano come gli stilemi musicali che, intrecciandosi, danno vita a nuove tracce di un percorso verso la costruzione di un inedito umanesimo e di un mondo plurale.

     

    La loro musica incarna la declinazione in note dell’incontro tra culture diverse, tra dimensioni sonore differenti. La scelta accurata dei testi, dei richiami letterari, delle parole, con significati e musicalità poliedrici, rendono questa declinazione un viaggio emozionante, alla scoperta di nuovi spazi e luoghi che, senza questo incontro di culture, di visioni della musica e della vita, non avrebbero mai preso forma.

     

    Tratto assolutamente distintivo è anche quello della lingua. La versatilità con la quale si muovono, cantando in italiano, arabo, francese, spagnolo e inglese, arricchisce la loro musica, accresce il valore di tale esperienza profonda e corale e, fungendo da lente caleidoscopica, valorizza le infinite sfumature della loro poetica musicale.

     

    Nel pieno rispetto delle norme antiCovid che garantiscono sicurezza al pubblico, Horcynus Festival Reggio Calabria continua a proporre un inedito e originale sguardo sul futuro “Ghadaan” – parola araba per intendere “domani” – grazie all’impegno della Fondazione Horcynus Orca e della direzione artistica di Franco Jannuzzi per il cinema, Massimo Barilla per il teatro, Giacomo Farina e Luigi Polimeni per la musica, al cofinanziamento della Regione Calabria e al patrocinio del Comune di Reggio Calabria.

     

    I Radiodervish, nati nel 1998 dall’incontro tra musicisti provenienti da diverse realtà del Mediterraneo, da Oriente e Occidente, che nel segno della Musica hanno iniziato a dialogare, sono stati ospiti dei più importanti palcoscenici italiani ed internazionali: il Blue Note di Milano, il Dingwalls di Londra, l’Olympia di Parigi, l’Opera House del Cairo, il Festival de Carthage in Tunisia. Si pregiano di numerose collaborazioni con Franco Battiato, Giovanni Lindo Ferretti, Noa, Giuseppe Battiston, Nicola Piovani e molti altri.