• Home / In evidenza / Coronavirus – In Calabria alberghi e ristoranti in ginocchio, crolla il fatturato

    Coronavirus – In Calabria alberghi e ristoranti in ginocchio, crolla il fatturato

     

    Il lockdown disposto per contenere i contagi da Covid19 porterà nel 2020 ad un crollo del fatturato per le srl del settore Ristoranti e alberghi (72.748 società che nel 2019 hanno fatturato 37,8 miliardi di euro), di 16,7 miliardi di euro, pari ad un calo, rispetto al 2019, del -44,1%. In particolare, il comparto della ricettività alberghiera è colpito da una perdita di 7,9 miliardi di euro, pari a -53,8%, mentre la ristorazione da una contrazione di 8,8 miliardi di euro pari a -37,9%. Nel 2020 in Calabria il fatturato crolla di -233milioni di euro ( -108.944 milioni di euro alloggio e -123.499 milioni di euro ristorazione).

     

    A livello regionale la più colpita la Lombardia con un calo di 3,5 miliardi di euro (-1,4 miliardi di euro alloggio e 2,1 miliardi di euro ristorazione), seguita dal Lazio con -2,7 miliardi di euro e dal Veneto con -1,6 miliardi di euro.

     

    Sono le stime quantificate dall’Osservatorio sui bilanci 2018 delle SRL del Consiglio e della Fondazione Nazionale dei Commercialisti.  L’impatto è dovuto sia al calo della domanda che ha colpito il settore ancora prima che scattasse l’emergenza in Italia, sia al blocco delle attività imposto per decreto, al fine di fronteggiare l’emergenza sanitaria.

     

    La stima è stata condotta su un campione di società includendo tutte le Srl che hanno presentato almeno un bilancio nell’ultimo triennio disponibile(2016-2018). Si tratta, in questo caso, di 72.748 società (53.145 operanti nel settore della ristorazione e 19.063 operanti nel settore ricettivo) alle quali è imputabile un volume complessivo di ricavi pari a 37,8 miliardi di euro nel 2019. Si precisa, inoltre, che le stime qui presentate sono relative ai soli bilanci delle Srl del settore Ristorante e alberghi e non sono, pertanto, riferibili all’intero settore che, sulla base di dati Istat 2017 è costituito da circa 328 mila imprese, tra cui circa 160 mila ditte individuali e 90 mila società di persone oltre a quasi 3 mila cooperative.  Le quantificazioni sono state condotte sulla base di alcune ipotesi relative all’impatto della crisi provocata dall’emergenza coronavirus separatamente per le Srl del comparto “Alloggio” e per quelle del comparto “Ristorazione”. In particolare, per il primo si è tenuto conto della forte stagionalità dell’attività produttiva, adoperando i dati Istat sui flussi turistici 2019 stagionalizzati per trimestre. Per ottenere le stime finali sui bilanci annuali, sono state utilizzate due differenti misure di impatto mensili per i comparti di cui sopra, costruite tenendo conto del blocco delle attività nei mesi di marzo e aprile e della graduale ripresa dell’attività nei mesi successivi. Le ipotesi impiegate hanno previsto cali di attività sin dal mese di gennaio 2020. Si è tenuto conto, in particolare per il settore della ristorazione, di attività in continuità anche nei mesi di lockdown (ad esempio per cibi da asporto o per particolari servizi di catering e mense), e, in ogni caso, di una non completa ripresa dell’attività produttiva fino a dicembre 2020.

     

    Una crisi improvvisa per un settore in crescita. Nell’Osservatorio infatti emerge come nel 2018 in Italia, gli addetti e i ricavi aumentavano rispettivamente del +5,9% e del +5,7% rispetto all’anno precedente seguendo una tendenza positiva dell’ultimo periodo. Tra i singoli comparti produttivi spiccava la performance di ristoranti e attività di ristorazione mobile mentre l’andamento per macroaree territoriali registrava la più alta crescita di fatturato nel Sud (+6,4%) e nel Nord Ovest per quanto riguarda il valore aggiunto(+7,9%). A livello regionale sul podio si posizionava la Basilicata con la crescita più elevata del fatturato del settore Ristoranti e Alberghi nel 2018 (+9,4%), seguita dalla Sicilia (+7,1%), dall’Emilia Romagna (7%) e dalla Campania (+7%). Le regioni che invece mostravano i cali più significativi dei tassi di crescita del fatturato nel 2018 rispetto al 2017 l’Abruzzo (-5,7%), il Molise (-3,7%), la Lombardia (-3,2%) e la Sardegna (-3,2%), pur rimanendo comunque in territorio positivo. Tra tutte, si segnala il Molise, unica regione a presentare una decrescita del fatturato nel 2018 rispetto al 2017 (- 0,4%).

     

     

    Comparti e sottocomparti del settore Ristoranti e Alberghi per numero Srl e addetti 2019 e Stime perdita fatturato anno 2020.

    ALLOGGIO

    SLR

    ADDETTI

    2019

    VAR. RICAVI

    2020

    Alberghi

    11.424

    125.155

    -6.463.764

    Alloggi vacanze e brevi soggiorni

    7.279

    17.907

    -949.480

    Aree di campeggio

    792

    6.496

    -420.616

    Altri alloggi

    65

    141

    -18.277

    nc

    43

    406

    -26.588

    Totale Alloggio

    19.603

    150.105

    -7.878.726

    RISTORAZIONE  

    SLR

    ADDETTI

    2019

    VAR. RICAVI

    2020

    Ristorazione e attività di ristorazione mobile

    35.720

    279.608

    -6.030.171

    Catering per eventi e altri servizi di ristorazione

    1.272

    35.712

    -843.135

    Somministrazione di bevande

    15.886

    82.321

    -1.847.772

    nc

     266

     2.489

    -70.928

    Totale Ristorazione

    53.145

    400.130

    -8.792.005

    Ristoranti e Alberghi

    72.748

    550.235

    -16.670.732

     

     

    Impatto sul fatturato 2020 per regione

    Regione Alloggio Ristorazione Totale
    Piemonte

    -230.961

    -427.997

    -658.958

    Valle d’Aosta/Vallée d’Aoste

    -47.715

    -10.057

    -57.772

    Lombardia

    -1.398.675

    -2.137.028

    -3.535.703

    Trentino-Alto Adige/Südtirol

    -672.075

    -127.016

    -799.091

    Veneto

    -906.550

    -718.292

    -1.624.842

    Friuli-Venezia Giulia

    -115.633

    -139.765

    -255.398

    Liguria

    -150.794

    -142.884

    -293.679

    Emilia-Romagna

    -548.676

    -655.877

    -1.204.553

    Toscana

    -743.482

    -638.249

    -1.381.731

    Umbria

    -73.366

    -96.628

    -169.994

    Marche

    -116.382

    -153.121

    -269.504

    Lazio

    -1.221.873

    -1.472.043

    -2.693.916

    Abruzzo

    -83.887

    -176.072

    -259.959

    Molise

    -13.080

    -16.831

    -29.911

    Campania

    -527.011

    -724.819

    -1.251.829

    Puglia

    -288.611

    -418.570

    -707.181

    Basilicata

    -39.408

    -35.246

    -74.655

    Calabria

    -108.943

    -123.499

    -232.443

    Sicilia

    -265.647

    -389.752

    -655.399

    Sardegna

    -325.956

    -188.259

    -514.215

    Tutti

    -7.878.727

    -8.792.005

    -16.670.732