• Home / In evidenza / Bonus Sud: al via le domande all’Inps

    Bonus Sud: al via le domande all’Inps

    Il Bonus Sud può ripartire, è possibile inviare le domande telematiche per le assunzioni del 2019 con procedura IOSS. A pochi giorni dalla pubblicazione del Decreto Anpal n. 311/2019, che ha recepito il cd. decreto crescita in merito all’Incentivo Occupazione Sviluppo Sud, l’Inps ha fornito le istruzioni per la fruizione di questo bonus con la circolare n. 102/19, confermando definitivamente le agevolazioni anche per le assunzioni avvenute dal 1° gennaio al 30 aprile 2019. Fondazione Studi Consulenti del Lavoro ha pubblicato la circolare n.13/19 contenente una serie di FAQ pratiche che possono agevolare la comprensione dei numerosi provvedimenti introdotti con la manovra finanziaria del 2019 per incentivare l’avvio di nuovi rapporti di lavoro nelle regioni del Mezzogiorno. Nel documento sono contenute indicazioni sui destinatari della misura, sulla procedura e le tempistiche di richiesta e concessione, oltre ai chiarimenti sulla cumulabilità con altri bonus occupazionali, con particolare riferimento all’apprendistato di mestiere. Nel documento l’Istituto precisa che possono accedere al beneficio tutti i datori di lavoro privati, anche non imprenditori, che assumano lavoratori disoccupati ai sensi dell’art. 19 del DLgs n. 150/15, e dell’art.4, c. 15-quater, della legge n. 2/19. L’agevolazione opera esclusivamente per i datori di lavoro, privati e liberi professionisti, per assunzioni nelle regioni Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sicilia, Abruzzo, Molise, Sardegna. I datori di lavoro – prima di compensare i contributi previdenziali in F24, sia arretrati (da gennaio a giugno 2019) che successivi (da luglio 2019 in poi) – dovranno compilare e inoltrare all’Inps una domanda telematica preliminare, denominata “IOSS” e disponibile all’interno dell’applicazione “Portale delle Agevolazioni”, per conoscere con certezza la residua disponibilità delle risorse. Se le verifiche dell’Inps hanno avuto esito positivo, il datore di lavoro ha 10 giorni di calendario per comunicare, a pena di decadenza, l’avvenuta assunzione, chiedendo la conferma della prenotazione effettuata in suo favore. Nei primi dieci giorni dalla data della circolare (16.7.19), tutte le richieste saranno elaborate contemporaneamente, mentre per le assunzioni e trasformazioni fino al 15 luglio, varrà l’ordine cronologico di decorrenza del contratto di lavoro, per i rapporti di lavoro successivi si seguirà l’ordine cronologico di presentazione della domanda. Info dai Consulenti del lavoro.