• Home / CITTA / Vibo Valentia / Detenzione ai fini di vendita di esemplari di testuggini protette. Coniugi segnalati

    Detenzione ai fini di vendita di esemplari di testuggini protette. Coniugi segnalati

    Nei giorni scorsi, militari del Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale, Agroalimentare e Forestale di Vibo Valentia, supportati da militari del Nucleo Carabinieri Cites di Reggio Calabria e del Reparto Carabinieri Biodiversita’ di Mongiana, a conclusione di una attività investigativa volta al contrasto del traffico illecito di animali protetti, hanno posto sotto sequestro due esemplari di testuggine “testudo Hermanni”, specie protetta dalla convenzione di Washington sul commercio internazionale delle specie selvatiche minacciate di estinzione.

    Accertata l’esposizione per la vendita on line di tartarughe di interesse Cites su un noto sito e-commerce italiano, a seguito di accertamenti preliminari e ad attività di pg conseguente, i militari del Nipaaf di Vibo Valentia sorprendevano un soggetto nei pressi della A2 del Mediterraneo, svincolo autostradale di Vazzano, mentre esponeva, ai fini della vendita, due esemplari di testuggine, allocati in una teca in plastica.

    Accertato che i rettili, ricadenti tra le specie incluse nell’all. A del Reg. 338/97 e ss.mm.ii., in quanto a rischio di estinzione, non erano provvisti della necessaria documentazione Cites, si procedeva al sequestro ed al loro affidamento in custodia al Centro Recupero Animali Selvatici di Catanzaro.

    I soggetti, responsabili dell’attività illecita sono stati segnalati all’A.G., in concorso, per i reati di esposizione ai fini della vendita di specie animali protette.

    Si ritiene opportuno ricordare che la Convenzione di Washington, nota come C.I.T.E.S., sottoscritta da oltre 200 stati, recepita in Italia nel 1992 con la Legge n. 150, è finalizzata a tutelare le specie animali e vegetali minacciate di estinzione attraverso la regolamentazione del commercio che le riguarda. A fronte dell’inosservanza dei precetti di legge, sono previste gravose sanzioni amministrative e penali.