• Home / Primo piano / Autobomba a Limbadi. Le Iene incontrano i genitori di Matteo Vinci (VIDEO)

    Autobomba a Limbadi. Le Iene incontrano i genitori di Matteo Vinci (VIDEO)

     ‘Ndrangheta, quando i boss, tuoi vicini, ti uccidono un figlio con un’autobomba. I vicini sono i Mancuso, uno dei clan mafiosi più potenti della Calabria. Pretendono con la forza un piccolo pezzo di terra di 50 metri quadri, in provincia di Vibo Valentia. Così, come ci racconta Gaetano Pecoraro, una famiglia semplice, i Vinci, è stata distrutta. 

    Sara e Francesco raccontano disperati la morte del figlio Matteo Vinci, 42 anni, barbaramente ucciso dalla ‘Ndrangheta con un’autobomba in provincia di Vibo Valentia. (Leggi qui)

    Tutto per un pezzo di terra di 50 metri quadri, preteso dalla famiglia Mancuso, un clan potentissimo, tra i primi dieci della criminalità organizzata calabrese.

    Sara non teme la potente Rosaria Mancuso e l’affronta. La tensione continua va avanti per anni tra minacce e aggressioni, sempre più pesanti, con una vanga e poi con un’accetta a Francesco Vinci (il 30 ottobre 2017).

    Loro continuano a denunciare. Fino a che il 9 aprile 2018 i Mancuso fanno esplodere l’auto con a bordo Matteo e Francesco. Si salva solo il padre, che porta ancora addosso ovunque i segni della tragedia.

    I Mancuso volevano “finire il lavoro” con gli altri familiari, ma sono arrivate prima le forze dell’ordine. (Leggi qui)

     

    Clicca qui per il video integrale del servizio de Le Iene