• Home / Primo piano / Autobomba nel vibonese – Il padre della vittima aggredito lo scorso ottobre

    Autobomba nel vibonese – Il padre della vittima aggredito lo scorso ottobre

    Francesco Vinci, il 73enne ferito gravemente nello scoppio dell’autobomba in località “Cervolaro” di Limbadi in cui é rimasto ucciso il figlio Matteo, fu vittima lo scorso ottobre di un’aggressione messa in atto da persone nei confronti delle quali sono in corso le indagini dei carabinieri. L’episodio si verificò a breve distanza dal luogo in cui é avvenuto l’attentato di ieri, in prossimità del terreno della famiglia Vinci attiguo a quello dei Di Grillo-Mancuso. Proprio sulla delimitazione del confine tra i terreni é in atto da tempo una disputa tra la famiglia Vinci e quella dei Grillo-Mancuso che sarebbe stata la causa scatenante della rissa avvenuta nel 2014 che vive contrapposti, da una parte, Francesco e Matteo Vinci e, dall’altra, Rosaria Mancuso, sorella dei capi della cosca, ed il marito Domenico Di Grillo, arrestato nella tarda serata di ieri dai carabinieri per la detenzione abusiva di un fucile. E proprio i contrasti di vicinato rappresentano una delle ipotesi che i carabinieri, coordinati dai maggiori Dario Solito e Valerio Palmieri, stanno valutando per risalire al movente dell’attentato. (ANSA)