• Vibo, nota della FdS sul Bilancio di previsione approvato dal consiglio comunale

    Di seguito nota della FdS sul Bilancio di previsione approvato dal Consiglio comunale di Vibo:
    Far cassa! Questo l’unico obbiettivo dell’amministrazione D’Agostino. E novità? Investimenti per il futuro? ZERO! D’altronde dal Pdl non

    potremmo aspettarci diversamente. Tagli indiscriminati e pressione fiscale che colpisce soprattutto i più poveri, senza progetti per il futuro che lasci sperare in una reale ripresa economica.
    Ci saremmo aspettati un “mea culpa” dalla maggioranza di palazzo L. Razza, invece no, dopo più di un anno di gestione comunale se la prendono con la passata amministrazione, colpevole a loro modo di vedere di aver effettuato una politica “populista” e di non aver avuto il coraggio di fare scelte impopolari.
    Noi non ci stancheremo mai di dirlo, è vero che probabilmente l’amministrazione Sammarco non è stata delle migliori viste a Vibo Valentia, ma non ci saremmo mai aspettati di vederne una altamente peggiore (quella attuale) subito dopo! Se la passata amministrazione ha prodotto solo danni (come dite voi) allora questa dove ci porterà? Mentre gli altri territori hanno già deciso di cambiare le scelte politiche, indirizzando l’attenzione verso le innovazioni (soprattutto sull’ambiente) che faranno risparmiare soldi ai comuni, il nostro rimane fermo e immobile, trovando come unica soluzione alla crisi l’aumento delle tasse.
    Se si volesse davvero fare una politica del risparmio, noi inizieremmo con il diminuire il numero degli assessori, troppi per un piccolo comune come Vibo Valentia. Basti pensare che il comune di Roma ne ha solamente uno in più! È ridicolo! E poi i risultati di tutta questa forza lavoro in realtà non si sono mai visti veramente! Si possono mettere anche 30 assessori, ma se non hanno voglia e capacità per lavorare è completamente inutile!
    Lo staff del sindaco poi, che funzione ha? È così essenziale? Veramente incomprensibile! Perché non ridurne almeno il numero? Alla gente va ricordato che mentre voi predicate la politica del risparmio, intanto pensate a spendere per i vostri assistenti!
    Anziché fare scelte “impopolari ma necessarie e coraggiose” come dite voi, perché non avete allora il coraggio di rinunciare totalmente ai vostri compensi? A partire dal sindaco, fino a tutti i consiglieri comunali. Quello si che sarebbe un atto nobile ed esemplare! Ma sappiamo che questo non succederà di certo. In ogni caso ricordatevi comunque che bisognerebbe pagare in cambio di un servizio, e di servizi a Vibo Valentia non se ne vedono proprio!
    Siete la dimostrazione che al peggio non c’è mai fine, vi arrampicate sugli degli specchi sempre più scivolosi, inventate scuse e giustificazioni e credete che i cittadini di questa città siano stupidi, “orbi”, che non sappiano in che condizioni si trova la città e che non sentano l’odore nauseabondo della spazzatura nelle strade. L’assessore Scianò dice che gli aumenti sono dovuti al taglio dei trasferimenti ordinari dello Stato al Comune e quindi? Avevamo ragione noi vero? I tanto bistrattati Comunisti lo dicono da anni che tagliando le risorse agli enti locali si sarebbero aggravati i bilanci dei comuni e soprattutto i bilanci delle famiglie. L’assessore Scianò ha quindi ammesso di chi è la colpa: DEL PDL! Ma è inutile ricordarvi che il PDL siete voi e che al governo ci siete voi!
    Voi dovreste amministrare coscientemente questa città ma ve ne infischiate dei problemi economici delle famiglie ed attuate aumenti per fare cassa. Facile fare i bilanci così. Servono soldi? Prendiamoli alle famiglie, tanto sono aumenti legali. Ma non avete calcolato che queste famiglie soldi da darvi non ne hanno più per colpa del vostro mal governo.
    Un governo ormai alla frutta che voi continuate a sostenere senza opporvi, dovreste avere il coraggio di essere obbiettivi e dire alla gente che, se per far quadrare i conti siete stati costretti ad aumentare le imposte, la colpa è dei vostri capi di partito. Avete ascoltato cosa dicevano a Pontida i vostri alleati? Il loro slogan era: ”prima viene il nord e poi tutto il resto del paese”, urla da stadio: “secessione, secessione”. Ma possibile che non vi sentiate indignati di fronte a certe parole? Perché continuate a sostenere certi personaggi politici? Cosa vi spinge a rimanere fedeli ad una parte politica che ridicolizza il sud ed il paese intero?

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.