• Vibo: Provincia promuove “Viv’Amenity”

    L’Amministrazione Provinciale di Vibo Valentia, Assessorati alle Politiche comunitarie e alle Politiche agricole, guidati rispettivamente dagli Assessori Paolo Barbieri e Nazzareno Fiorillo, ha promosso un Progetto Integrato per le Aree Rurali denominato VIV’AMENITY, nell’ambito dell’avviso pubblico per la presentazione delle domande di aiuto relative a ”Progetti integrati per le aree rurali (PIAR)” ai sensi del Piano di Sviluppo Rurale 2007-2013 della Regione Calabria PSR Calabria 2007-2013. Attraverso un articolato percorso di concertazione ha costituito un partenariato formatondallem oreganizzazioni professionali agricole, provincia, 22 comuni, la Comunita’ Montana e il sistema bibliotecario vibonese.Con Il PIAR VIV’AMENITY sono state attivate tutte le quattro misure previste dal Bando PIAR, cioe’ 125, 216, 227 e 321. Gli interventi che sono previsti dal progetto si caratterizzano per i seguenti punti: miglioramento e potenziamento dell’infrastrutturazione delle aree rurali, con la riqualificazione del reticolo delle strade a servizio delle aree rurali che e’ stato oggetto di 36 progetti di sistemazione e ripristino. Sono state individuate le zone rurali con insediamenti produttivi non ancora serviti da rete idrica ed elettrificazione, prevedendo una prima realizzazione di 9 acquedotti e 5 reti di distribuzione elettrica; la gestione multifunzionale delle aree agricole pubbliche con finalita’ di recupero ambientale e di riqualificazione paesaggistica (2 progetti in aree agricole Comunali); la qualificazione della gestione del territorio forestale, con la programmazione di attivita’ non strettamente orientate a fini produttivi, bensi’ di tutela e valorizzazione ambientale e paesaggistica (realizzata progettazione di opere finalizzate alla fruizione sociale di 5 boschi di proprieta’ di Comuni aderenti al partenariato, con la previsione di attivita’ di escursionismo naturalistico, educazione ambientale all’aperto, ricreazione ed informazione dei turisti e dei visitatori); la realizzazione di un progetto coordinato per il complessivo miglioramento dei servizi sociali e di trasporto pubblico locale essenziali alla popolazione residente nelle arre rurali, per l’attivazione di un centro di animazione culturale e ricreativa e la realizzazione di punto di accesso di operatori e cittadini alla rete informatica ed alla multimedialita’.(ASCA)

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.