• Home / CITTA / Reggio Calabria / Il Consiglio regionale convocato per lunedì 4 luglio

    Il Consiglio regionale convocato per lunedì 4 luglio

    Il Consiglio regionale è stato convocato dal presidente Filippo Mancuso per lunedì 4 luglio alle ore 15,00, sette i punti allordine del giorno: proposta di provvedimento amministrativo n.66/12^ di iniziativa della Giunta regionale recante: “Piano di Sviluppo e Coesione (PSC) della Regione Calabria – Variazione del Piano Finanziario della Sezione Ordinaria. Presa d’atto delle determinazioni del Comitato Di Sorveglianza (CdS)” – (Relatore: Montuoro);

    proposta di legge n.46/12^ di iniziativa dei Consiglieri K. Gentile, S. Cirillo, G. Gelardi, G. Graziano, G. Crinò, G. Neri, D. Tavernise recante: “Norme per l’incremento, lo sviluppo, la tutela e la valorizzazione dell’apicoltura calabrese” (Relatore: K. Gentile);

    proposta di legge n.62/12^ di iniziativa dei Consiglieri M. Comito, G. Arruzzolo recante: “Modifiche alla legge regionale 19 novembre 2020, n. 21 (Istituzione Consorzio Costa degli Dei)” (Relatore: M. Comito);

    legge regionale 4 agosto 1995 n. 39 – Nomine e designazioni di competenza del Consiglio regionale negli organi di amministrazione attiva, consultiva e di controllo della Regione, nonché degli enti anche economici, e delle aziende da essa dipendenti;

    Elezioni delle Autorità garanti; proposta di provvedimento amministrativo n. 62/12^, di iniziativa dUfficio, recante: Nomina di tre membri, compreso il Presidente, di cui uno in rappresentanza delle minoranze, del Comitato regionale per le comunicazioni Corecom Calabria (articolo 5, legge regionale 22 gennaio 2001, n. 2)”;

    proposta di provvedimento amministrativo n. 63/12^, di iniziativa dUfficio, recante: Nomina di tredici membri scelti fra donne elette nelle istituzioni e donne che abbiano riconosciuta esperienza di carattere scientifico, giuridico, culturale, produttivo, politico e sindacale sulla condizione femminile nella Commissione per le pari opportunità fra uomo e donna presso il Consiglio regionale (articoli 3, 4 e 7, legge regionale 26 gennaio 1987, n. 4)”.