• Home / CITTA / Reggio Calabria / La Strada con Saverio Pazzano sulla questione assistenti educativi: “Monitoreremo gli impegni presi dall’Amministrazione comunale”

    La Strada con Saverio Pazzano sulla questione assistenti educativi: “Monitoreremo gli impegni presi dall’Amministrazione comunale”

    Venerdì 25 febbraio si è svolto presso Palazzo San Giorgio l’incontro per discutere della situazione degli assistenti educativi, come richiesto da La Strada con il consigliere comunale Saverio Pazzano.
    Dopo un’analisi delle diverse problematiche, si sono definite le tempistiche per il pagamento dei prossimi stipendi. Ricordiamo che l’ultimo stipendio ricevuto è stato quello di ottobre: erogato, peraltro, pochi giorni prima di Natale.
    Sulle problematiche ci siamo già espressi ampiamente nell’ultimo anno e tutti esigono che col prossimo anno scolastico il Comune metta in atto tutti gli strumenti per garantire un servizio giusto ed equo.
    In merito alla situazione attuale, gli uffici e gli assessori competenti si sono impegnati, alla presenza del Sindaco Brunetti, al pagamento dello stipendio di novembre entro i prossimi 15 giorni e al pagamento delle mensilità di dicembre e gennaio entro i primi giorni di aprile. Allo stesso tempo ci si è impegnati a gestire con celerità le procedure per le mensilità successive.
    Non consideriamo affatto questo risultato un miglioramento nella situazione, se non per il solo fatto che, da quello che ci risulta per la prima volta, si è preso un impegno formale alla presenza del Sindaco.
    A fronte di un problema già ben noto all’Amministrazione, sottolineiamo l’importanza dello svolgimento dell’incontro finalmente congiunto con dirigenti, assessori e sindaco.
    Ci auguriamo che questo possa essere il primo segnale di un cambio di passo nella gestione di un problema complesso, che va affrontato con il confronto chiaro e franco nelle sedi  e nei modi opportuni.
    Da parte nostra monitoreremo che gli impegni presi vengano mantenuti uno per uno, e non molleremo sul riconoscimento dei pieni diritti per chi lavora con le persone più fragili del nostro territorio.