• Home / CITTA / Reggio Calabria / In arrivo la prima edizione del premio “Stefano Viola” AIAC per la stagione sportiva 2021/2022

    In arrivo la prima edizione del premio “Stefano Viola” AIAC per la stagione sportiva 2021/2022

    L’Associazione Italiana Allenatori di Calcio – sezione provinciale di Reggio Calabria è orgogliosa di
    annunciare l’ufficializzazione della prima edizione del premio intitolato alla memoria di “Stefano Viola”.
    L’iniziativa ha lo scopo di celebrare il compianto allenatore e talent scout reggino scomparso
    prematuramente nel 2007, professionista esemplare apprezzato per le sue grandi qualità tecniche e
    umane e che ha rappresentato nei suoi anni di attività un punto di riferimento fondamentale per
    tantissimi giovani reggini. Per tali ragioni il ricordo di Stefano Viola resta, a distanza di oltre 14 anni,
    indelebilmente presente e vivo nella mente di tutti gli operatori del settore.
    Il premio è riservato agli allenatori di calcio residenti nella provincia di Reggio Calabria e tesserati in qualità
    di Tecnico Responsabile di prima squadra nei campionati di Eccellenza, Promozione (girone B) e Prima
    categoria (girone D). Gli unici due requisiti per poter concorrere all’aggiudicazione del premio sono: l’aver
    allenato per almeno due terzi della stagione 2021/2022 e il non aver ricevuto squalifiche per un periodo
    superiore ai due mesi.
    La giuria sarà composta dai tecnici reggini impegnati nei predetti campionati, i quali saranno chiamati ad
    esprimere la propria preferenza al termine della stagione sportiva in corso. Ai voti risultanti dalla platea
    dei tecnici, sarà aggiunto il voto del presidente AIAC della provincia di Reggio Calabria Pasquale Sorgonà.
    In caso di parità finale di voti tra due o più allenatori il vincitore verrà scelto in base rispettivamente: alla
    migliore posizione in classifica e alla migliore media punti della squadra allenata dal tecnico. In caso di
    ulteriore parità il premio sarà assegnato all’allenatore anagraficamente più anziano.
    L’augurio di tutti è che si tratti soltanto della prima di una lunghissima serie di edizioni, in ricordo di un
    grande allenatore, in ricordo di un caro amico, in ricordo di Stefano.