• Home / Primo piano / Reggio Calabria – Brunetti presenta la nuova Giunta: “Travolto da uno tsunami, non sono un supereroe, datemi tempo”

    Reggio Calabria – Brunetti presenta la nuova Giunta: “Travolto da uno tsunami, non sono un supereroe, datemi tempo”

    di Grazia Candido – Presentata alla città la nuova Giunta comunale.

    Questa mattina a Palazzo San Giorgio il sindaco facente funzioni Paolo Brunetti ha ufficializzato il nuovo esecutivo composto dagli assessori Rocco Albanese, Domenico Battaglia, Irene Vittoria Calabrò, Demetrio Delfino, Francesco Gangemi, Angela Martino, Lucia Anita Nucera e Giuseppina Palmenta.
    “I nomi li abbiamo comunicati venerdì ma, in questo momento, credevamo fosse doveroso farlo ufficialmente e dare conto ai cittadini – esordisce il sindaco f.f Brunetti -. Speriamo, al più presto, che questa sedia venga ricoperta di nuovo dal sindaco Falcomatà e il mio augurio è che si concluda questa spiacevole vicenda del Miramare che ha portato, purtroppo, alla ribalta nazionale la nostra città. Scusatemi per l’emozione dettata dal carico di responsabilità che mi è piovuto addosso, uno tsunami, ma sono state dette tante cose inesatte, dettate dall’arroganza, dalla pochezza di chi non conosce il mio percorso. Quando il sindaco Falcomatà ha individuato me come vice sindaco, non vi nascondo, che ho avuto un momento di confusione e ho pensato se accettare o no questo incarico. Sapevo che avrei avuto una grande responsabilità ma anche, ero a conoscenza che se non lo avessi fatto, sarebbe stato un ulteriore danno per la città. Ci sono tante occasioni ghiotte per Reggio che non possiamo perdere e senza una guida, si rischia di non sfruttare le risorse che arriveranno. E noi questo non lo vogliamo”.

    Brunetti, nel ribadire che “a questa nuova squadra piace fare le cose e poi annunciarle e, a giorni, avrete novità sui rifiuti”, ci tiene a precisare che “non sarà un sindaco social, mi vedrete poco in tv perché con questa Giunta, composta da new entry e riconferme, punteremo a darvi risposte”.
    “E’ opportuno ringraziare per il lavoro svolto, gli assessori uscenti Angela Cama, Rosanna Scopelliti, Giovanni Muraca e il professore Perna. Se da un lato, oggi è una giornata felice, dall’altro, ci ricorda che questa Giunta è stata fatta a causa di scelte che vanno al di là della politica. Spero che Falcomatà torni presto ad essere il primo cittadino di Reggio Calabria e l’appello che faccio alle forze politiche è che si riveda la legge Severino perché molte città italiane rimangono senza una guida amministrativa. Oggi, faremo la prima riunione di Giunta, ci sono delle criticità, dateci tempo per lavorare”.
    Poi, prende fiato e presenta i suoi assessori leggendo le deleghe assegnate: Rocco Albanese si occuperà di Lavori pubblici, Sistema idrico integrato, Esecuzione grandi opere e Cimiteri; Demetrio Battaglia: Pianificazione territoriale e urbana sostenibile, Programmazione progetti strategici, Edilizia, Vigilanza e Demanio Marittimo, Mobilità e Trasporti, Porto e Aeroporto, Area Integrata dello Stretto, Smart City; Irene Vittoria Calabrò: Programmazione finanziaria e bilancio, Cultura e Turismo; Francesco Gangemi: Affari Generali e Personale, Tributi, Gestione del Patrimonio comunale, Piano delle alienazioni e dimissioni, Edilizia, residenziale pubblica, Società partecipate; Angela Martino: Attività Produttive, Imprenditoria giovanile, Occupazione e Lavoro, Rapporti con le Università, Politiche di genere; Lucia Anita Nucera: Istruzione e Politiche educative, Edilizia scolastica e impiantistica sportiva scolastica, Edilizia sociale, Minoranze linguistiche e Identità territoriale, Cooperazione internazionale per la promozione dei diritti umani; Giuseppina Palmenta: Polizia municipale (“per la prima volta, una donna va a coprire un settore dove serve la forza ma anche, la gentilezza e la delicatezza di una donna” – postilla Brunetti), Legalità e Sicurezza, Europe Direct, Politiche giovanili, Istituti di partecipazione.
    “Oltre alle deleghe assegnate, sono rimaste a me tante altre deleghe ma tra qualche settimana, vedrete l’assegnazione di alcune di queste ai consiglieri comunali perché io non sono un supereroe” – si congeda così Brunetti lasciando la sala dei Lampadari insieme alla sua nuova squadra.