• Home / CITTA / Reggio Calabria / “Il gusto della tradizione”, prende avvio il programma sociale del Gruppo di Reggio Calabria di Fare Verde

    “Il gusto della tradizione”, prende avvio il programma sociale del Gruppo di Reggio Calabria di Fare Verde

    Con l’incontro di venerdì 3 dicembre ha avuto inizio il programma delle attività sociali del Gruppo di Reggio Calabria dell’Associazione ambientalista Fare Verde. L’evento – denominato “Il gusto della tradizione” – ha avuto come oggetto il tema della produzione del vino in tutte le varie sfaccettature, dalla composizione della pianta del genere Vitis alla realizzazione della botte, passando per la composizione dell’acino e l’impianto di un vigneto, cosi scandendo le diverse “stagioni dell’uva”. Particolare enfasi ha poi caratterizzato il racconto sulla storia del vino mediterraneo che, all’interno di un percorso che dall’antichità ci ha progressivamente condotto ai giorni nostri, ci ha permesso di “riscoprire” e apprezzare le produzioni che la nostra terra è in grado di offrire in un misto di colori e sapori unici.

    La presentazione è stata, altresì, arricchita dalle riflessioni di Rosario Previtera, agronomo e assaggiatore ONAV, che, a conclusione degli interventi, ha accompagnato i presenti nella degustazione conclusiva di alcuni vini mediterranei.

    Gli incontri del Gruppo culturale ed educazione ambientale, dalla duplice inclinazione formativa e in-formativa, costituiranno, tuttavia, soltanto una delle diverse anime che caratterizzeranno il programma del gruppo reggino di Fare Verde. Non meno importanti saranno, infatti, i trekking e le passeggiate “a tema” promosse dal Gruppo Escursionistico e valorizzazione del territorio con un ampio programma che accompagnerà i volontari sino a dicembre 2022, e le attività del Gruppo di cittadinanza attiva finalizzate alla prevenzione, alla denuncia e all’analisi dei fenomeni ambientali. L’iter sarà, infine, arricchito dai lavori del gruppo Progettazione e Laboratori partecipati che opererà come “think tank” di pianificazione con lo scopo di promuovere un costruttivo e propositivo dialogo istituzionale e associativo in grado di incidere sull’agenda ambientalista e pensare alla realizzazione concreta della “Reggio verde”, tanto sbandierata in questi anni ma in realtà mortificata.