• Home / CALABRIA / Green Pass, scoppia la protesta nei porti: possibili blocchi anche a Gioia Tauro

    Green Pass, scoppia la protesta nei porti: possibili blocchi anche a Gioia Tauro

    “L’unica apertura che possono avere nei nostri confronti è togliere il Green pass. Il blocco di venerdì è confermato, oggi ci saranno sorprese perché non si fermerà solo il porto di Trieste.

    Anche quello di Genova? Non mi fermerei a quello di Genova, quasi tutti i porti si fermeranno. Stasera ne avremo conferma”. Sono le parole del portavoce dei portuali di Trieste, Stefano Puzzer, che all’Huffington Post ha annunciato il blocco in vista dell’entrata in vigore dell’obbligo del Green pass per l’accesso al lavoro, prevista venerdì.

    Al Porto di Gioia Tauro la società Mct,  che gestisce il terminal portuale, ha invitato i dipendenti a comunicare per tempo l’eventuale mancanza del certificato verde al fine di “mitigare le criticità organizzative” e per sostituire il personale inidoneo per mancanza di certificazione.

    “Il problema – spiega Salvatore Larocca, segretario regionale della Filt Cgil – si porrà soprattutto per i dipendenti della Mct, che sono 1.350, fra i quali ci potrebbe essere una percentuale significativa di lavoratori sprovvisti della certificazione, mentre non ci dovrebbero essere probllemi per gli operatori esterni trattandosi di realtà con poche decine di occupati. Noi abbiamo chiesto alla Mct un incontro ma l’azienda ha risposto che si atterrà alle disposizioni del decreto, iniziando con i controlli dal 15”.