• Home / In evidenza / L’Estate reggina prende forma. Ok all’atto d’indirizzo per raccogliere proposte di eventi
    Reggio Calabria lungomare verde in città

    L’Estate reggina prende forma. Ok all’atto d’indirizzo per raccogliere proposte di eventi

    L’Estate reggina inizia a prendere forma. Ieri, la giunta comunale, ha approvato l’atto di indirizzo delle procedure per raccogliere manifestazioni di interesse in vista della realizzazione del programma di eventi che, dal prossimo 15 giugno e fino al 30 settembre, con eccezione del periodo riservato alle feste mariane, allieteranno cittadini e turisti e, contestualmente, aiuteranno a rilanciare l’economia cittadina. Identificati anche gli spazi e le caratteristiche dei luoghi che saranno riservati ai diversi momenti di aggregazione. Il giardino della Villetta De Nava, le Mura Greche e Pizza Camagna ospiteranno concerti di musica classica, convegni, caffè letterari e letture per bambini; la Villa Comunale e Pizza Trieste saranno rivolte a rappresentazioni teatrali, spettacoli musicali, cinema all’aperto ed eventi culturali più in genere; Piazza Duomo, Piazza del Popolo e Piazza Castello monteranno i palcoscenici di concerti, spettacoli e rappresentazioni teatrali, così come l’Arena dello Stretto e il Lungomare “Falcomatà”. Quest’anno, si aggiungeranno due prestigiose location come il neonato Waterfront e l’Opera di Tresoldi, siti ideali per attrarre iniziative d’ampio respiro culturale. Ed ancora: il Piazzale Cedir, Piazza Trieste, Piazza del Popolo, Piazzale Enzo Ferrari e l’area del Tempietto ospiteranno eventi di promozione sportiva. Infine, potranno essere utilizzati anche gli spazi all’aperto, siti in periferia, che si prestano a manifestazioni di tenore artistico, ludico, ricreativo e culturale.

    Il consigliere delegato Mario Cardia, in una nota stampa, si dice «entusiasta» invitando alla massima partecipazione quanti, «con professionalità ed impegno, potranno contribuire a rendere davvero unica un’estate mai tanto attesa e che punta a lasciarsi dietro le spalle il periodo doloroso della pandemia».

    «Inizia ufficialmente il conto alla rovescia per l’Estate reggina – ha aggiunto Cardia – adesso sproniamo ogni realtà positiva a partecipare al bando che, a breve, sarà messo loro a disposizione. Abbiamo bisogno di ripartire, di tornare a rivivere quella normalità che il Covid ha negato ad ognuno di noi. C’è tanta voglia di ritornare a vivere fra le strade, nelle piazze, a partecipare e condividere sentimenti ed emozioni. Reggio Calabria, da questo punto di vista, è una realtà che ha sempre risposto alla grande e l’amministrazione comunale farà della libertà, della responsabilità e della consapevolezza il fulcro intorno al quale costruire il miglior programma possibile. La normativa, infatti, impone, a tutti i partecipanti, la predisposizione di un piano antiCovid e qualsiasi richiesta sarà sottoposta a questa attività di controllo».

    Mario Cardia, poi, si sofferma sulle novità inserite nella programmazione: «Potremo contare sul Waterfront e sull’Opera di Tresoldi, spazi sui quali investire e far crescere proposte di sviluppo sociale, artistico e culturale fino a ieri inimmaginabili. Quest’anno, fra musica, spettacolo e teatro, anche lo sport, come mai successo prima, avrà uno spazio riservato nel cartellone. Abbiamo davvero pensato ad ogni dettaglio, nella convinzione che la stagione estiva rappresenti un’occasione importante per rilanciare economie e attività fortemente provate dall’emergenza sanitaria. L’occupazione del suolo sarà a titolo completamente gratuito e molte altre esenzioni riguarderanno le istruttorie burocratiche ed i vari permessi necessari per il completamento delle procedure amministrative. Dal centro città alla periferia, nessuno reggino potrà e dovrà sentirsi solo».

    Un pensiero, infine, il consigliere delegato lo dedica ai lavoratori del mondo dello spettacolo che rappresentano «una delle categorie più colpite dalla crisi innescata dalla pandemia» ed alle tante associazioni che «hanno particolarmente patito le restrizioni imposte dall’emergenza». «Anche per loro – ha concluso – sarà un momento di fondamentale importanza. Finalmente si potrà riaprire un sipario che, per troppo tempo, è rimasto chiuso».