• Home / CITTA / Reggio Calabria / Un corso di formazione per il sostegno psicologico agli agenti della Polizia Locale reggina, il sindaco Falcomatà accoglie la proposta della Cisl Fp

    Un corso di formazione per il sostegno psicologico agli agenti della Polizia Locale reggina, il sindaco Falcomatà accoglie la proposta della Cisl Fp

    Un corso di formazione diretto agli agenti di Polizia locale del Comando reggino, ma anche alle altre forze dell’ordine, per supportare gli operatori nelle situazioni di particolare stress emotivo, ad esempio in caso di incidenti stradali mortali, nelle relazioni con i familiari delle vittime, o durante la notifica di trattamenti sanitari obbligatori. Questa mattina a Palazzo San Giorgio i rappresentanti della Fp Cisl, Giuseppe Falcone e Vincenzo Sera, hanno illustrato l’iniziativa, promossa dalla forza sindacale, che prenderà avvio nel prossimo mese di maggio.

    Ad accogliere i vertici sindacali presso il Palazzo di Città, il sindaco Giuseppe Falcomatà e il Comandante della Polizia Locale reggina Salvatore Zucco.

    Il corso di formazione, tra i pochissimi in Italia organizzati con queste finalità ed unico in tutto il Meridione, è diretto al sostegno dell’operato degli agenti del Comando reggino. Il programma si comporrà di tre lezioni svolte per ogni gruppo di lavoro e inizierà già alla fine del prossimo mese di maggio. Almeno nella fase iniziale, per motivi di sicurezza, si svolgerà in modalità da remoto.

    Professionisti psicologi e giuristi spiegheranno agenti della Municipale reggina, ma anche alle altre Forze dell’Ordine che decideranno eventualmente di aderire all’iniziativa, come relazionarsi emotivamente in situazioni di forte stress. Caso di specie: un incidente stradale in cui siano presenti vittime o feriti gravi. Gli agenti dovranno quindi acquisire gli strumenti psicologici più idonei per comunicare con i familiari delle vittime, dare loro il necessario supporto ed al tempo stesso imparare a gestire, anche personalmente, le conseguenze emotive di questo genere di situazioni, che possono determinare ripercussioni anche fuori dall’orario di lavoro.

    “Un’iniziativa – hanno spiegato a margine dell’incontro il Comandante Zucco ed il sindaco Falcomatà – che il Comune di Reggio Calabria e la sua Polizia Locale con grandissimo interesse ed entusiasmo”.

    “Spesso – ha spiegato il primo Cittadino – i non addetti ai lavori non possono rendersi conto della grande pressione cui sono sottoposti gli agenti di Polizia, che si trovano ad operare in condizioni di forte stress psicologico, in situazioni certamente complicate, dove è necessario relazionarsi con i cittadini in casi di emergenza, per strada, magari in presenza di familiari feriti o addirittura di vittime di incidenti stradali. In questo senso riteniamo che la proposta avanzata dalla Fp Cisl sia certamente di grande valore e possa essere molto utile per la formazione del nostro personale. Spero che siano tanti gli agenti che aderiranno al percorso formativo, per poter aumentare il proprio bagaglio di competenze, anche a livello psicologico, da utilizzare nelle diverse situazioni che incontrano ogni giorno nella propria attività”.

    Grande soddisfazione è stata espressa a margine dell’incontro anche dai rappresentanti della Fp Cisl Giuseppe Falcone e Vincenzo Sera. “L’intento – hanno spiegato – è quello di costituire un valido supporto psicologico nei confronti degli operatori di Polizia Locale, che li aiuti ad affrontare con maggiore serenità la propria attività professionale al servizio dei cittadini. Si tratta di un primo step sperimentale, che inizia da Reggio Calabria, e che poi sarà esteso a tutta la Calabria. Abbiamo fortemente voluto partire dalla nostra città, con il primo corso di questo genere che si organizza in tutto il Meridione. E’ un nuovo modo di fare sindacato, attraverso un’attività di supporto nei confronti di ogni singolo lavoratore. Vogliamo ringraziare il sindaco Falcomatà per aver accolto con interesse la nostra proposta, dando tutto il sostegno possibile affinchè potesse essere realizzata”.