• Home / In evidenza / Reggio Calabria – Nonna Grazia, 105 anni, fa la sua prima dose di vaccino anti Covid: “E’ una punturina”

    Reggio Calabria – Nonna Grazia, 105 anni, fa la sua prima dose di vaccino anti Covid: “E’ una punturina”

    di Grazia Candido – “State attenti al Covid, fate quello che vi consigliano e non abbiate paura”. Così nonna Grazia, 105enne, originaria di Gallico, rassicura i suoi coetanei spronandoli a fare il vaccino anti Covid perchè “in fondo, non è che una puntura al braccio”.

    Nei suoi occhi c’è la speranza di “vedere ancora tante belle cose, di superare questa terribile pandemia e tornare alla vita di sempre senza aver più paura di uscire o, semplicemente, parlare con un’amica o un parente”.
    Nonna Grazia, il 29 Gennaio scorso, ha festeggiato 105 anni ed è sempre stata una donna altruista, allegra, gentile con tutti e amorevole con la sua famiglia. Lo ha dimostrato anche ieri, sfoderando il sorriso più bello all’arrivo degli operatori sanitari a casa sua dove ha fatto la sua prima dose di vaccino.
    “Come mi devo mettere?” – domanda la nonna alla giovane infermiera guardando l’ago sottile -. Ma è solo una punturina, facciamolo tutti”.
    Ferma, immobile ma con lo sguardo vigile coperto un po’ dalla mascherina, la “mascotte” di Gallico osserva tutti i movimenti degli operatori sanitari e quando la dose del vaccino le è stata somministrata, alla domanda di un infermiere: “Ma ci dite quanti anni avete?”, lei sorridendo risponde: “Non me lo ricordo nemmeno”.

    Nonna Grazia può essere considerato il simbolo di questa campagna vaccinale che speriamo possa raggiungere al più presto tutti, soprattutto, quella parte della popolazione a rischio.
    La felicità della nonna traspare in tutto ciò che dice ed è meravigliosa la sua capacità di infondere coraggio ai presenti fiduciosa che, oramai, il peggio sia alle spalle.
    Nonna Grazia ha affrontato prove molto più dure di questa e la sua tempra dimostra la forte responsabilità di una donna matura che crede in un futuro migliore per tutti, per gli ammalati, per i bambini fragili, per i giovani che, forse, dovrebbero rispettare di più le norme di sicurezza, evitare gli assembramenti, indossare sempre la mascherina e igienizzarsi le mani.
    “La vita è un soffio di vento, facciamoci accarezzare e non sprechiamola inutilmente”. Parola di nonna Grazia.