• Home / In evidenza / Reggio Calabria – Autismo, la lotta d’amore delle mamme per la libertà dei loro bimbi

    Reggio Calabria – Autismo, la lotta d’amore delle mamme per la libertà dei loro bimbi

    di Grazia Candido – Il 2 aprile è la Giornata Mondiale della Consapevolezza dell’Autismo istituita nel 2007 dall’Assemblea Generale dell’ONU. E’ il giorno della riflessione ma anche della consapevolezza che ci sono tante persone “diverse” dagli ipotetici “normali” ma questa loro diversità non deve essere vista come qualcosa di sbagliato, o fuori luogo, perchè sarebbe un grave ed imperdonabile errore di una società che, puntualmente, discrimina tutto e tutti.

    In questa giornata, moltissimi uomini, donne, bambini si guardano le cicatrici sul corpo e nell’anima e come esperti cavallerizzi si rimettono in sella, dopo numerose cadute, per continuare a correre il difficile sentiero della vita perchè la vita è sempre un dono e non è giusto rimanere nell’ombra solo perchè qualcuno li definisce “diversi”.
    Ne sa qualcosa Angela Villani, mamma del piccolo Matteo, bimbo autistico di sei anni, che insieme a tante altre famiglie, sta lottando contro i pregiudizi e per affermare la libertà di sentirsi se stessi apprezzando le infinite diversità dell’umanità.
    “Oggi, due aprile, è la giornata mondiale della consapevolezza dell’autismo, per chi ancora non sapesse cosa sia è un mondo nel mondo – afferma la vice presidente dell’associazione “Il Volo delle farfalle”, Angela Villani -. Chi vive l’autismo si scontra tutti i giorni con la mancanza di diritti e servizi, con una burocrazia lenta e sorda, con gli sguardi indifferenti di chi potrebbe fare e non fa nulla per aiutare i tanti autistici nel mondo. Nonostante ciò, i nostri guerrieri non si danno mai per vinti, sempre con il loro splendido sorriso e gli occhi pieni di luce, bramosi di conquistare uno spazio nel loro universo, ci ricordano che hanno anche loro un posto, come tutti, nella società. Quotidianamente, i piccoli e grandi autistici lottano per un mondo più giusto, più equo e solidale e non si arrendono mai. Il nostro sogno è di poter essere felici e che sia data ai nostri figli speciali la possibilità di esprimersi, perché la diversità è patrimonio dell’umanità”.
    La giovane mamma in questi anni, è scesa più volte in piazza, ha denunciato e reclamato con forza i diritti per il suo Matteo e per tutti i bambini indifesi chiusi come il figlio in quel mondo che meriterebbe maggiore attenzione da parte delle istituzioni. E visto che le risorse economiche non bastano e che i piccoli hanno continuamente bisogno di assistenza e terapie per poter migliorare la propria condizione psico-fisica, le mamme de “Il Volo delle farfalle  – Evoluzione autismo” anche quest’anno, nella giornata mondiale dell’autismo, si sono messe all’opera per continuare quel programma di crescita e inserimento sociale.
    “La nostra associazione interpreta in pieno il pensiero che la disabilità è una risorsa e, addirittura, può essere un punto di forza della società perché permette di misurarsi con i propri limiti e potenzialità – aggiunge Angela -. In piena sinergia, noi mamme abbiamo realizzato dei lavori meravigliosi per sovvenzionare piccoli progetti per i nostri figli e, facendo squadra, non solo ci sentiamo meno sole ma ci diamo a vicenda forza per continuare una battaglia sociale e morale. In questi mesi, abbiamo creato tantissimi articoli, oggetti per la casa, pensieri da donare a Pasqua, e con il ricavato organizzeremo progetti educativi individualizzati. Il “Volo delle Farfalle – Evoluzione autismo” è la dimostrazione che la volontà e l’amore superano qualsiasi ostacolo”.
    La speranza di tutte le mamme e i piccoli autistici è che con il tempo, la società riesca a rompere i muri dei pregiudizi e si avvicini al mondo della disabilità con occhi diversi e un cuore aperto.