• Home / CALABRIA / Vertice alla Camera di commercio di Reggio, Spirlì: «Imprese ripartiranno, ma bisogna cambiare registro»

    Vertice alla Camera di commercio di Reggio, Spirlì: «Imprese ripartiranno, ma bisogna cambiare registro»

    Il presidente della Regione, Nino Spirlì, ha incontrato oggi il presidente della Camera di commercio di Reggio Calabria, Antonino Tramontana, e la Giunta dell’ente. Nel corso del vertice, Spirlì ha raccolto le istanze dei rappresentanti delle varie categorie produttive e preso atto delle loro attuali difficoltà economiche, acuite dalla pandemia di Covid-19. «È un ritorno al primo amore, visto che “nasco” come assessore al Commercio e all’Artigianato. Dal primo momento – commenta Spirlì –, ho incontrato i delegati di queste categorie in un tavolo permanente, che è stato alla base di tutte le decisioni che, in questi dieci mesi, sono state prese e portate da me in Giunta regionale». «Con il presidente Tramontana e i rappresentanti del commercio e dell’artigianato – continua Spirlì – abbiamo parlato della programmazione per questo e per i prossimi anni. Ci siamo inoltre confrontati sulla necessità di eliminare, proprio in fase di pianificazione, una locuzione che, purtroppo, falsa anche la progettazione: emergenza Covid. Credo che, in questo momento, bisogna invece parlare di convivenza Covid, perché, se rimaniamo ancorati alla convinzione che si tratta solo di un’emergenza, e che quindi presto passerà, avremo un’idea poco realistica anche rispetto a quelli che dovranno essere gli interventi futuri». «Dobbiamo immaginare – sottolinea il presidente della Regione – che questo 2021 e, probabilmente, anche il 2022, possano essere anni ancora interessati dal Covid. Quindi, per far rinascere concretamente il commercio e le attività artigianali, c’è la necessità di riproporsi, cambiando completamente registro». «Dobbiamo pensare – conclude Spirlì – che ci sia bisogno di un nuovo commercio e di un nuovo artigianato o, quanto meno, di una loro diversa concezione, in base alla quale il Covid non è più un’emergenza, ma un dato di fatto. Abbiamo parlato di questo a lungo ed è stata una piacevolissima riunione tra persone che si stimano. Ringrazio ancora il presidente Tramontana e tutti i rappresentanti delle varie categorie per questa bellissima mattinata che hanno voluto regalarmi. Mi sono sentito a casa come dal primo giorno in cui li ho incontrati nella mia avventura da assessore».