• Home / CITTA / Reggio Calabria / Reggio Calabria, Sera (Cisl Funzione Pubblica): “Un nuovo futuro Condiviso”

    Reggio Calabria, Sera (Cisl Funzione Pubblica): “Un nuovo futuro Condiviso”

    Nel rispetto di questa inedita distanza-vicinanza, abbiamo scoperto e fatto esperienza del divieto, abbiamo sperimentato la distanza delle relazioni.

    Così dichiara il Segretario Generale della CISL Funzione Pubblica di Reggio Calabria Vincenzo Sera.

    Un anno passato che ha voluto a tutti i costi lasciare una traccia indelebile nella storia dell’umanità.

    Un anno che ci ha privato della gioia delle relazioni interpersonali e della libertà, ci ha trascinati nell’incertezza del domani. Il 2020 è stato anche un anno che ha visto tante donne e uomini lottare e resistere alla travolgente onda del contagio.  Donne e uomini che non si sono arresi vincolando tutte le loro forze nella ricerca, nella cura e nell’assistenza sanitaria, nella tutela dell’ordine pubblico, nella garanzia dei servizi pubblici essenziali, nell’educazione scolastica e in tanti altri settori sia del pubblico che del privato.

     

    A tutti loro va il mio sentimento di riconoscenza e gratitudine.

     

    La Cisl Funzione Pubblica di Reggio Calabria, continua il Segretario Generale Vincenzo Sera, non ha mai interrotto l’attività dando supporto a tutti i lavoratori.

    Un’azione continua senza interruzioni e secondi fini, in questo periodo emergenziale di pandemia dalla tutela per la sicurezza dei posti di lavoro, ai rinnovi dei contratti, alle diverse problematiche che giornalmente si sono create.

    Tutti i Dirigenti Sindacali della CISL FP coordinati da Giuseppe Rubino e Antonella Zema , con un’azione determinata e professionale nelle diverse delegazioni trattanti di tutti i comparti, oltre che dalla RSU, ha consentito di concludere positivamente il percorso di contrattazione integrativa di Ente, hanno consentito mediante la stipula dei CCDI di valorizzare ed incentivare le risorse umane che da tanto tempo sono al servizio dell’Utenza erogando servizi di qualità, intensificando l’attività nell’ultimo mese partecipando a tutti i tavoli di contrattazione con nuovi mezzi, utilizzando le web-conference.

    Nel Comparto “funzioni locali” le ristrette risorse economiche dei Comuni, della Camera di Commercio, hanno dato poco spazio, nonostante ciò, si è riusciti a dare corso, anche alle progressioni economiche orizzontali (PEO).

    Tanti sono gli Enti dove la CISL FP è intervenuta ponendo al centro l’interesse legittimo dei lavoratori ad avere riconosciuta la giusta professionalità con la firma del contratto decentrato.

    Inoltre, non è mancato l’impegno professionale della CISL FP ai tavoli di confronto per la stabilizzazione dei lavoratori ex LSU LPU. Sono rimasti pochi Comuni che non hanno ancora stabilizzato i lavoratori ex LSU LPU e grazie alle nuove deroghe il processo si potrà concludere a marzo 2021. Al riguardo colgo l’occasione di ringraziare tutti i Sindaci che hanno avuto la lungimiranza di capire che questo patrimonio umano andava stabilizzato.

    L’attività non si fermerà continueremo a chiedere l’aumento delle risorse per dare dignità ai contratti di questi lavoratori.

    Alla Città Metropolitana, nonchè al Comune di Reggio Calabria si è verificata una ritrovata serenità e sinergia sindacale.

    E’ bastato un nuovo impegno politico di condivisione e qualche aggiustamento alla macchina Amministrativa per poter in poco tempo garantire il contratto integrativo ai tanti lavoratori dei due Enti. Il segnale di una ritrovata intesa il Sindaco l’avv. Giuseppe Falcomatà l’aveva già manifestata,  una nuova intesa responsabile ed attenta, dimostrata dai fatti, indirizzata al bene comune nell’interesse dei lavoratori e delle lavoratrice. Abbiamo riscontrato la sua sensibilità, soprattutto per i lavoratori ex LSU LPU e dei lavoratori della Legge 15.

    Il Sindaco Giuseppe Falcomatà ha dato l’indirizzo politico a tutti gli  uffici preposti garantiti dalla professionalità dei Dirigenti, per assicurare stabilità e risorse economiche alle tante famiglie di lavoratori

    Un percorso in fase di conclusione che oggi chiediamo sia completato senza ripensamento alcuno.

    Si è registrato l’avvicendamento nel ruolo di Direttore Generale che vede ora l’avv Demetrio Barreca  e la nomina di altri Dirigenti ai quali rivolgiamo l’augurio di buon lavoro.

     

    L’avv .Demetrio Barreca nella nuova veste, ha consentito dopo tanti mesi di fermo la sottoscrizione  del Contratto Integrativo anno 2020,  grazie alla sua caparbietà.

     

    Una nuova sinergia con il Direttore Generale avv. Umberto Nucara che ha garantito la conclusione delle trattative per il Contratto Integrativo della Città Metropolitana, fissando anche dei nuovi step da condividere e perseguire per rilanciare l’attività della Città Metropolitana.

     

    Nel comparto della Sanità pubblica e privata, l’emergenza che è ancora in corso ha portato alla ribalta le tante criticità.

    I tagli lineari, lo smantellamento della sanità territoriale sono i risultati di molti anni di politiche sbagliate. E’ necessario un rinnovato modello sanitario pubblico, una significativa valorizzazione del personale in servizio e recuperare il vuoto del blocco delle assunzioni.

    Nuove regole di gestione, ma anche di regole decisionali che attribuiscono la responsabilità delle scelte in campo ad un unico soggetto.

    Una riorganizzazione della sanità pubblica, anzi una vera e propria rivoluzione: più territorio, più personale, più risorse, ma non basta – aggiunge Vincenzo Sera, serve oggi più che mai una riorganizzazione, anzi una rivoluzione delle cure primarie, una nuova medicina generale (di famiglia) e di continuità assistenziale h24 (in sicurezza e con strutture adeguate), con ambulatori moderni e attrezzati.

    Serve iniettare energia e risorse negli ospedali, basta blocco del turn over, basta precariato.

    La CISL FP è intervenuta spesso con toni anche duri, per cercare un dialogo costruttivo al fine di trovare soluzioni per garantire il diritto alla salute per i cittadini, nonché la tutela dei lavoratori in termini di sicurezza  e garantire istituti contrattuali spesso dimenticati e calpestati.

    Quindi anche all’ASP di Reggio Calabria, grazie all’intervento della Prefettura di Reggio Calabria, la ritrovata sinergia con la terna Commissariale e la professionalità del Direttore Sanitario e  Amministrativo, si è potuto procedere al recupero dei Fondi di produttività, alla sottoscrizione dei contratti decentrati con la garanzia per le progressioni economiche orizzontali e verticali evitando i numerosi contenziosi che si sono accumulati nel tempo.

    Un importante azione che ha registrato l’avvio di nuove assunzioni di personale per rinnovare e dare nuova forza lavoro.

    Un altro settore dove và rafforzata l’azione sindacale, è l’importante servizio del SUEM 118, attività indispensabile per la cittadinanza, sarà un impegno che porteremo avanti chiedendo soluzioni drastiche per un rinnovamento strutturale e manageriale

    E’ necessario potenziare il servizio di emergenza – urgenza.  L’assenza di medici, personale del comparto, strumentazione inadeguata nonché autoambulanze vetuste, hanno messo in crisi un sistema essenziale per la salute dei cittadini.

    Cosa diversa, è l’azienda Ospedaliera BMM – GOM di Reggio Calabria che ha dimostrato sotto la direzione del Commissario Ing. Iole Fantozzi di poter raggiungere punti di eccellenza organizzativi e professionali. Anche al GOM comunque va supportata l’azione di nuove assunzione.

    Si è registrato un’inversione di tendenza dove tutta la categoria Sanitaria (Medici, infermieri, personale OSS, tecnico, amministrativo e aggiungerei  con grande sacrificio e professionalità), sotto le direttive del Commissario Straordinario ridanno dignità ad un azienda da tanto tempo abbandonata.

    Nelle Funzioni Centrali si è continuata l’azione di condivisione e risoluzione dei problemi, tutte le Amministrazioni in sinergia hanno cercato di garantire servizi e tutele al personale.

    Si è contraddistinta l’azione di rinnovamento portata avanti dal Direttore Carmelo G. Malacrino del Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria che ha riorganizzato l’attività, utilizzando in questo periodo di chiusura nuovi canali  di comunicazione, che hanno riscontrato grandi consensi utilizzando la nuova cultura interattiva del digitale, portando fin dentro le nostre case la storia e l’arte antica facendo rivivere virtualmente le bellezze e le straordinarie collezioni archeologiche custodite al Museo Nazionale di Reggio Calabria.

    Un altro Ente dove finalmente si è registrata una nota positiva è l’Ente Parco Nazionale dell’Aspromonte. Grazie all’indirizzo politico del Presidente Leo Autelitano  dopo  venticinque anni l’Ente è riuscita a stabilizzare i lavoratori ex LSU LPU.

    La caparbietà, la professionalità del  Funzionario Delegato dell’Ente l’arch. Silvia Lottero ha assunto l’impegno portandolo a compimento.

    Si spera che  per il futuro anche per loro si possano trovare risorse per l’aumento orario.

    A consuntivo, conclude il Segretario Generale Vincenzo Sera – è trascorso un anno  che sarà ricordato perché ha seminato morte e dolore, oltre alla grave e drastica situazione sanitaria che ricorderemo per sempre.

    Dalle azioni positive invece e dalle esperienze costruttive, rimane la speranza di continuare l’attività, la politica ora si trova di fronte alla questione del futuro, non a riparare il presente, ma alla necessità di un ripensamento profondo, di un nuovo orientamento radicale di azione.

    E’ chiaro che le politiche sono efficaci quando orientano scelte, interpretano e appoggiano pratiche di vita attente e responsabili, capaci di dedizione e offerta.

    Non si tratta di chiudere una parentesi, ma di saper ridisegnare insieme con tutte le parti sociali, una convivenza nuova e ripartire con idee e  progetti per costruire la società del futuro.

     

    Il Segretario Generale

    Vincenzo Sera*