• Home / CITTA / Reggio Calabria / San Roberto: l’ultimo consiglio comunale del 2020

    San Roberto: l’ultimo consiglio comunale del 2020

    A San Roberto si è svolto l’ultimo consiglio comunale del 2020, tra i punti all’ordine del giorno molte tematiche di routine, l’approvazione del verbale della precedente seduta, quella del piano finanziario TARI e la ricognizione delle società partecipate in quota al Comune, ossia ASMET, per i servizi informatici dell’albo pretorio e di posta certificata, ed il Patto Territoriale dello Stretto, per il monitoraggio condiviso delle politiche di promozione dello sviluppo economico e sociale dell’area.

    «A nome mio personale, della maggioranza e della cittadinanza tutta voglio esprimere la mia vicinanza ai consiglieri di minoranza Biagio e Stefano Principato, al momento in quarantena, nonché gli auguri di pronta guarigione ai loro familiari – spiega il sindacato Antonino Micari – L’elezione e nomina del vicepresidente del consiglio comunale era l’ordine più importante della seduta odierna. Tutti ad unanimità abbiamo deciso di rimandare questa votazione affinché la minoranza possa essere presto presente a partecipare al dibattito del nostro Comune, nel segno del garbo e della gentilezza che deve contraddistinguere ogni rapporto umano, a prescindere dai ruoli ricoperti».

    A margine della discussione consiliare sono state trattate questioni pratiche relative ad una contrada non raggiunta dal servizio di raccolta rifiuti e la riparazione di un punto di pubblica illuminazione. Il Sindaco ha inoltre presentato un’interrogazione in merito alla partecipazione del Comune all’intero del GALBATIR, mentre si è avviata una discussione in merito agli incentivi ad attività commerciali ed artigianali, decise dal Governo per le aree interne a seguito della pandemia.

    A conclusione della seduta di Consigli ai dipendenti ed ai consiglieri comunali è stato fatto omaggio da parte dl Sindaco di una dotazione di mascherine lavabili e riutilizzabili, personalizzate con lo stemma del Comune, con l’augurio di poterne fare a meno quanto prima, fiduciosi in questo 2021 nella debellazione della pandemia.