• Home / CITTA / Reggio Calabria / Lsu-Lpu, i sindaci della Piana di Gioia Tauro scrivono al Governo: “Fare chiarezza su stabilizzazione lavoratori”

    Lsu-Lpu, i sindaci della Piana di Gioia Tauro scrivono al Governo: “Fare chiarezza su stabilizzazione lavoratori”

    “L’associazione Città degli Ulivi, che rappresenta i Sindaci dei Comuni della Piana di Gioia Tauro, è fortemente preoccupata dalle vicende che stanno interessando il percorso di stabilizzazione dei lavoratori LSU/LPU di questo territorio. Ad oggi infatti, non vi è chiarezza sulle procedure da seguire e sulle risorse messe a disposizione da Governo e Regione, procurando stato di incertezza ai lavoratori ed alle amministrazioni che con senso di responsabilità hanno avviato i percorsi di stabilizzazione all’interno degli Enti.

    A tutto questo si aggiunge che le deroghe al fabbisogno del personale in sovrannumero sono solo ed esclusivamente per i lavoratori LSU, lasciando da parte i molti lavoratori LPU e creando disparità, tensioni sociali e problemi nei territori. A tutto questo va posto rimedio, trovando una soluzione che dia certezze a tutti i lavoratori ex LSU ex LPU.

    “Ad oggi, con la bocciatura dell’emendamento a firma dell’On. Tucci (primo firmatario), sono saltate anche per i lavoratori le coperture economiche fino al 31 marzo 2021 e questo era necessario soprattutto per i Comuni in dissesto di bilancio che, in attesa dell’autorizzazione alle dotazioni organiche da parte della Cosfel, avrebbero potuto beneficiare dell’utilizzo dei lavoratori.

    Inoltre in merito al finanziamento della Regione Calabria, che passa sempre attraverso l’autorizzazione della Cosfel, vi è la necessità che lo stesso Ministero chiarisca se le risorse storicizzate della Regione siano prese in considerazione al fine di favorire la stabilizzazione dei lavoratori.

    Tutto ciò rischia di creare ulteriori problematiche ai lavoratori e alle famiglie che rimarranno senza sostegno economico.

    Gli Enti si ritroveranno senza i lavoratori e non saranno nelle condizioni di garantire nemmeno i servizi minimi essenziali, in considerazione anche del fatto che ormai molti Comuni sono gestiti quasi interamente dai lavoratori Ex Lsu- Lpu”.

    E’ quanto si legge nella missiva dell’associazione dei Comuni “Città degli Ulivi”, sottoscritta dal presidente dell’assemblea, Giuseppe Zampogna, e dal presidente del comitato direttivo, Francesco Cosentino, e indirizzata ai ministeri competenti, nonché alla Regione Calabria, al prefetto di Reggio Calabria e all’Anci.