• Home / In evidenza / Manifestazione Reggio, Tuccio: “Il Prefetto ha garantito interlocuzione, ora tocca a Spirlì”

    Manifestazione Reggio, Tuccio: “Il Prefetto ha garantito interlocuzione, ora tocca a Spirlì”

    “Proficuo e cordiale incontro con il prefetto Mariani unitamente agli amici Domenico Comande, Pasquale Morisani e Antonio Virduci” – ha comunicato uno degli animatori della manifestazione di stasera a Reggio, Luigi Tuccio – “durante il quale abbiamo palesato la costituzione di un comitato spontaneo di cittadini con l’esclusivo fine di riportare le esigenze e le istanze della collettività , che lamenta le gravi difficoltà sociali ed economiche che deriverebbero dal prolungamento del periodo di Lockdown totale, che la nostra regione non si può assolutamente consentire.

    Abbiamo chiesto espressamente” – prosegue Tuccio – “che il Governo rettifichi il dpcm, quanto meno ‘“declassandoci” a zona arancione. Abbiamo anche chiesto una verifica degli indici dei livelli di contagiosità e del negativo condizionamento degli stessi, laddove provenienti dagli sbarchi spontanei. Abbiamo chiesto la valutazione di soluzioni indennizzatorie per i cittadini e che si traducano in sovvenzioni familiari ed in una task force della sanità per il recupero dei livelli minimi assistenziali, stante l’esclusiva riconducibilitá della crisi della sanità alla pluriennale, fallimentare gestione commissariale da parte del governo centrale. Il Prefetto” – ha concluso Tuccoo – “ha garantito l’interlocuzione con i tavoli romani , su ogni singolo tema esposto, garantendo l’utilizzo di navi quarantena per immigrati positivi ed ha ovviamente stigmatizzato l’atteggiamento di pochi facinorosi che hanno strumentalizzato la piazza, ben consapevole della siderale distanza culturale tra la nostra presenza silenziosa ed altri discutibili atteggiamenti animosi, pur tuttavia comprendendo il disagio e la tensione sociale che deriva in questo particolare momento.
    Adesso la politica faccia la sua parte e Spirli si assuma la responsabilità di emettere un provvedimento idoneo a soddisfare le esigenze sociali, nella speranza che il Governo ci declassifich