• Home / In evidenza / Falcomatà: “La Calabria è zona rossa perchè paghiamo inefficienza politica”

    Falcomatà: “La Calabria è zona rossa perchè paghiamo inefficienza politica”

    Il sindaco di Reggio Calabria, Giuseppe Falcomatà, è intervenuto in diretta Facebook per commentare il nuovo DPCM che entrerà in vigore da venerdì 6 novembre.

    “La Calabria, rientra come sappiamo, tra le zone rosse. Ognuno di noi si domanda il perchè. Perchè c’è un alto numero di contagi? perchè l’indice Rt è alto? Assolutamente no. La Calabria è zona rossa per un basso livello di ospedalizzazione. Probabilmente, per i numeri, saremmo potuti essere una zona verde. Purtroppo siamo in zona rossa non tanto per il grado di diffusione del virus o dell’alto numero di contagi, ma perchè nel caso in cui dovesse diffondersi, non ci sarebbero le capacità per affrontarlo. Stiamo pagando anni, mesi e settimane di inefficienza politica. Tutto vorrei fare, tranne che polemiche, soprattutto in questa fase dove serve tenere uniti i cittadini. Si fa fatica a spiegare alle persone che siamo chiusi perchè dovevano essere fatte delle cose che sarebbero dovute essere fatte. Se oggi fosse stato realizzato il centro covid regionale probabilmente la Calabria non sarebbe stata zona rossa. Le assunzioni per il personale medico e paramedico non sono state attuate, anzi il piano assunzionale del Grande Ospedale Metropolitano è stato bocciato, non sono aumentati i posti di terapia intensiva. Oggi c’è una regione e c’è una città in ginocchio, ci sono persone esasperate. Andate a dirglielo voi perchè io non so cosa dire. Posso solo dire, in base alle parole del Presidente Conte, ci sono delle misure economiche? Noi dobbiamo avere la priorità, e datele ai sindaci, vogliamo essere protagonisti, vogliamo avere diritto di parola e vogliamo gestire noi le risorse economiche.”