• Home / In evidenza / Reggio Calabria – Positivi al Gom, Al Sayyad: “Reparto di radioterapia messo in sicurezza, vanno avanti le cure”

    Reggio Calabria – Positivi al Gom, Al Sayyad: “Reparto di radioterapia messo in sicurezza, vanno avanti le cure”

    di Grazia Candido – “Il Covid19 non ha fermato il nostro lavoro, non abbiamo mai smesso di curare i nostri pazienti anzi, abbiamo messo ancora più attenzione, amore e impegno per salvare vite umane”.

    Il direttore di radioterapia del Grande Ospedale Metropolitano, Said Al Sayyad, ci tiene a precisare la quotidiana responsabilità di “una squadra da sempre impegnata a tutelare il diritto alla salute di ogni paziente e di proseguire nonostante l’emergenza Coronavirus, le terapie ai malati oncologici” ma anche rassicura “sulla procedura di messa in sicurezza del reparto dove sono stati trovati tre positivi tra gli operatori”.
    “E’ stata disposta la quarantena per i soggetti risultati positivi al Covid-19, sanificato il reparto, il Day-Hospital, l’intera area delle applicazioni di radioterapia e i bunker dove sostano i pazienti dopo il trattamento radioterapeutico  – afferma il Primario –. Ovviamente, le persone che sono state a stretto contatto con gli operatori positivi saranno sottoposti al tampone prima di riprendere il ciclo terapeutico. Il reparto non fermerà la sua attività anche perché la malattia non va in vacanza e non possiamo sospendere le terapie agli ammalati per paura di contrarre il Covid-19. I pazienti oncologici sono da sempre una categoria più soggetta alle infezioni virali e batteriche ma noi, da sempre, stiamo particolarmente attenti a tutto. Il consiglio fondamentale è seguire le regole di comportamento che dovremmo adottare tutti per ridurre il rischio di contagio”.
    Il direttore sanitario di Radioterapia del Gom conforta i suoi pazienti per attenuare l’angoscia della malattia alla quale si aggiunge l’ansia del contagio anche perché “lo stress psicologico è molto forte e tanti malati oncologici si sentono in stand-by”.
    “Molti degenti sono abituati a convivere con la paura della morte ma questa pandemia non fa che catapultarli in una situazione di limbo perché non sanno cosa li aspetta e cosa devono fare – conclude Al  Sayyad -. Non abbassiamo la guardia ma rispettiamo le regole base per evitare il diffondersi del virus: indossare sempre la mascherina, rispettare il distanziamento sociale ed igienizzarsi le mani. Tre semplici comportamenti che, se adottati da tutti, potrebbero davvero fare la differenza per mitigare la pandemia”.