• Home / CALABRIA / Reggio Calabria – Disabili penalizzati dal Dpcm. Angela: “Conte ascolti i nostri figli autistici”

    Reggio Calabria – Disabili penalizzati dal Dpcm. Angela: “Conte ascolti i nostri figli autistici”

    di Grazia Candido –  Il nuovo decreto del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte mette di nuovo a dura prova tanti settori e, soprattutto, le persone svantaggiate e con problemi di disabilità. A tuonare ancora una volta, è la vice presidente dell’associazione “Il volo delle farfalle – Evoluzione autismo” Angela Villani che in una lettera accorata, chiede a chi sta al Governo un aiuto concreto e maggiore attenzione per i soggetti affetti dalla sindrome di Asperger.

    “Caro presidente Giuseppe Conte, mi dispiace constatare la disattenzione del suo Governo nei confronti di chi vive quotidianamente con una disabilità e mi chiedo perché non tenga mai conto, non si preoccupi delle esigenze dei sofferenti, delle famiglie messe già a dura prova da malattie invalidanti che minano la stabilità fisica e psicologica. In questi mesi, non avete pensato mai a prendere provvedimenti seri per chi è affetto da disabilità mentale. Io sono una mamma di un bimbo bellissimo e dolce di sei anni, un bimbo affetto dalla sindrome di Asperger che non va più a scuola a causa di questa terribile pandemia – scrive mamma Angela -. Matteo, a differenza dei suoi coetanei, ha maggiori difficoltà a relazionarsi con il prossimo ma è un bambino socievole che soffre molto il distacco da quegli ambienti in cui si sente protetto, sicuro. Avete pensato a quante difficoltà incontra un soggetto autistico negli ambienti scolastici con i protocolli anti-covid e senza figure specializzate? I nostri figli sono persone fragili che non solo devono combattere il virus ma il pregiudizio, la mancanza di adeguate strutture per potersi curare, studiare, crescere serenamente, la carenza di professionisti pronti ad aiutare anche le famiglie in questo duro percorso di sopravvivenza”.
    Angela non ci sta a far passare la “disabilità come un problema solo di chi la ha” e si oppone con tutte le sue forze agli enormi passi indietro di un “Governo disattento”.
    “Chiudendo tutti i centri ludici e sportivi, mio caro Presidente, avete precluso la possibilità ai nostri bambini autistici di poter fare terapia – continua la mamma di Matteo -. Ancora una volta, sulle spalle dei caregivers è lasciato tutto il peso dell’assistenza. Non possiamo permetterci un altro lockdown, sarebbe la morte dei nostri figli e di un intero Paese. Cosa avete fatto in tutti questi mesi? Nulla. Era prevedibile un ritorno dei contagi ma non si risolverà il problema chiudendo le attività di un Paese perché alla fine, questa situazione avrà gravi ripercussioni sulla salute non solo delle persone con disabilità, ma anche di chi li assiste. I nostri figli disabili soffrono più di altri questa circostanza e voi dovete fare qualcosa. Dovete ascoltare con la massima attenzione quella parte della popolazione che non ha voce”.