• Home / CITTA / Reggio Calabria / Reggio Calabria, al Csoa “Angelina Cartella” il 12 settembre la presentazione del romanzo “La nostra Nig” di Harriet E. Wilson

    Reggio Calabria, al Csoa “Angelina Cartella” il 12 settembre la presentazione del romanzo “La nostra Nig” di Harriet E. Wilson

    Pubblicato per la prima volta a Boston nel 1859, il romanzo ebbe una diffusione molto limitata per poi scomparire rapidamente dall’orizzonte editoriale, probabilmente perché, come emerge nel sottotitolo, metteva in evidenza le contraddizioni del Nord abolizionista in merito alla questione razziale. Riscoperto soltanto alla fine del secolo scorso, oggi vanta numerose edizioni in lingua inglese ed è considerato una pietra miliare della letteratura statunitense, nonché il primo romanzo scritto da una donna afroamericana.

    Harriet Wilson, in questa sua opera chiaramente autobiografica, narra della storia di Alfrado, una bambina che all’età di sei anni, dopo la morte del padre, viene abbandonata dalla madre presso la ricca e aristocratica famiglia Bellmont, nel New Hampshire, dove vivrà un’infanzia di privazioni e sofferenze.

    Scrive nell’Introduzione la poetessa statunitense Jaki Shelton Green, lei stessa impegnata nella difesa dei diritti de* afroamerican*: “Le storie della mia stirpe, come la storia de La nostra Nig, esaminano la pericolosa, perversa e sadica ossessione delle donne bianche nel maltrattare pesantemente le donne nere, da sempre al centro di stupri e commistioni di razze. […] La conoscenza de La nostra Nig è un altro obolo per i forzieri della storia americana che possiamo comprendere attraverso le esperienze dirette degli schiavi e delle persone come Frado che vivevano nelle stesse condizioni in uno Stato abolizionista del New England.»

    Un romanzo che, pubblicato proprio quest’anno per la prima volta in Italia, in un momento storico in cui la lotta contro il razzismo e il sessismo sono tornati ad infiammare gli Stati Uniti, e allungano i loro tentacoli pestilenziali nella nostra stessa realtà sociale frutto di contraddizioni più recenti o storiche, diviene una testimonianza quanto mai attuale da rivisitare e su cui discutere: lo faremo insieme a Giuseppe Villella, cotraduttore dell’opera e il poeta Pasqualino Bongiovanni. Introdurranno: Rosalba Marotta e Salvatore Miceli.

    La presentazione si svolgerà nel rispetto delle normative vigenti anti covid-19. Le/i partecipanti dovranno essere muniti di mascherina.