• Home / CITTA / Reggio Calabria / Falcomatà: “Grave errore far prevalere forze oscurantiste e negazioniste”

    Falcomatà: “Grave errore far prevalere forze oscurantiste e negazioniste”

    «L’appello lanciato dal mondo della cultura, dell’università, delle professioni e delle imprese va sostenuto e rilanciato perché è sintomo di una società viva, partecipe, che non vuole arrendersi ma che, anzi, vuole contrastare, con tutte le forze, l’affacciarsi pericoloso e miope del peggior leghismo mai esistito in questo Paese. Raccolgo, dunque, come un forte stimolo a fare sempre di più e meglio il credito di fiducia che i firmatari hanno riposto nella mia persona e nell’amministrazione che, dai sei anni, ha lavorato per risollevare le sorti di un Comune che le destre avevano lasciato al verde e alla deriva». Così, il sindaco Giuseppe Falcomatà nel ringraziare i professori Alberto Ziparo e Tonino Perna, primi firmatari di un lungo elenco di docenti, intellettuali, uomini e donne espressione delle realtà accademiche, culturali e professionali della Città.

    «Il voto di domenica e lunedì – aggiunge Falcomatà in un comunicato stampa – potrebbe rivelarsi esiziale se a prevalere fossero quelle forze oscurantiste e negazioniste che, negli anni del Modello Reggio, hanno portato al collasso e ad una crisi spaventosa l’intero circuito socioeconomico del territorio. Nel corso del nostro mandato, nonostante le numerose difficoltà incontrate, siamo riusciti a garantire un futuro ad una realtà che sembrava tristemente condannata a morire sotto il peso di un debito costruito sui falsi in bilancio e su spregiudicate distrazioni di fondi pubblici».

    «Questo appello – conclude – deve quindi servire ai cittadini a comprendere bene la differenza dei modelli che si troveranno a dover scegliere all’interno della cabina elettorale. Per quanto ci riguarda, servirà sicuramente a correggere gli errori fatti rimanendo, comunque, coi piedi ben piantanti in terra e sempre dalla stessa parte. Che è quella della legalità, della trasparenza e della giustizia».