• Home / CITTA / Reggio Calabria / Reggio Calabria – La Cina fra innovazione e tradizione

    Reggio Calabria – La Cina fra innovazione e tradizione

    Nel giardino della Biblioteca comunale “De Nava” di Reggio Calabria, il Centro Internazionale Scrittori della Calabria, con il patrocinio della Città di Reggio Calabria, nell’ambito dell’”Estate reggina 2020”, ha promosso la conferenza “La Cina fra innovazione e tradizione”.

    Ha introdotto l’incontro Loreley Rosita Borruto, presidente del Cis della Calabria, e sono intervenuti: Tito Lucrezio Rizzo, già Consigliere titolare dell’Organo centrale di Sicurezza Segretariato generale della Presidenza della Repubblica, Giuseppe Verdirame, direttore scientifico dell’Istituto Europeo di Studi Politici, Rosaria Catanoso, docente di Filosofia, presidente giovani del Cis. Erano presenti all’incontro lo storico Lucio Villari e l’Assessore Irene Calabrò. la Cina post maoista, ha sottolineato il relatore Rizzo, ha acquisito il ruolo di prima attrice, anche attraverso il rilancio dell’antico percorso noto come “La via della seta”. Gli scambi culturali, le relazioni commerciali, lo sport, i viaggi e lo studio del diritto romano, sicuramente, contribuiscono a formare una nuova generazione di dirigenti sempre più lontana dalle ingessature dogmatiche degli anziani rappresentanti del vecchio sistema ideologico. Il diritto di proprietà è riconosciuto integralmente nel campo dell’edilizia, mentre nel settore agricolo i contadini che lavorano la terra beneficiano solo di una sorte di usufrutto, la terra rimane proprietà dello Stato. Sono intervenuti al dibattito lo storico Lucio Villari, l’ing. informatico Domenico Repaci e Alessandro Cavanna, dirigente scolastico del Liceo “S. Pertini” di Genova che ha raccontato di uno scambio culturale avvenuto nel 2019 tra il suo istituto e Cheng Du, città della provincia di Sichuan. Dal dibattito, inoltre, è emerso che in Cina la libertà economica fa già da battistrada a quella civile, politica e religiosa. In questi ultimi anni tra Cina e Santa Sede è stato siglato un accordo provvisorio con il quale si cerca di avviare un dialogo costruttivo per promuovere il miglioramento delle relazioni.